Cerca

Televisione pubblica

La Berlinguer boccia il piano Gubitosi per i Tg Rai

La direttrice del Tg3: "Il vero obiettivo dell'azienda è ridurre il personale"

La Berlinguer boccia il piano Gubitosi per i Tg Rai

E' una abituata a misurare con cura le parole, Bianca Berlinguer. E la zarina del Tg3 lo fa magistralmente anche nell'intervista concessa oggi al Corriere della Sera, in cui parla del piano di riorganizzazione dei telegiornali Rai messo a punto dal dg Luigi Gubitosi. Nella creazione di due super redazioni (una per Tg1 e Tg2, l'altra che accorpa Tg3, Rainews e i Tgr), la direttrice del Tg3 vede "il pericolo di una ripetitività, di una sorta di anonimato informativo, di una indistinta linea editoriale". Parole che tradiscono l'attaccamento della direttrice alla cara, vecchia lottizzazione, che lei chiama elegantemente "politica di canale, cioè rete più testata giornalistica, ben pensata editorialmente e con chiare caratterizzazioni".

Sa bene, la Berlinguer, che "il nostro telegiornale è quello che corre il rischio maggiore di perdere fisionomia e identità, proprio perchè verrebbe inglobato in un modello di informazione così diverso come quello delle attuali news" e che se ciò accadesse, lei perderebbe il potere di cui gode oggi nell'ex telekabul. E per questo, piazza un dito in un occhio a Gubitosi svelando quelle che, a suo dire, sono le vere intenzioni del dg e dei vertici della televisione di Stato: "Penso che alla resa dei conti il primo esito del piano sarà quello di una riduzione del personale" dice al Corriere. "Normale che l'azienda si ponga obiettivi di risparmio - concede - ma dovrebbero essere chiaramente dichiarati". Poi, in chiusura di intervista, lancia il sasso: "Quanto al mio futuro, tutti i direttori sanno che il proprio incarico è a termine (lei guida il Tg3 dall'ottobre 2009, ndr). Credo di poter dare il mio contributo anche in altre vesti". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tommaso43

    27 Febbraio 2015 - 14:02

    Cara Zaira,è il momento di tornare a casa!!!!!! Per avere un servizio pubblico, non fazioso e ipocrita tutti i partiti devono uscire dalla Rai.Ai Capito Reni ?

    Report

    Rispondi

  • silvano45

    27 Febbraio 2015 - 12:12

    certo che deve essere ridotto il personale cara compagna e raccomandata signora .Alla Rai ci sono 15000 dipendenti tutti assunti per merito!!!!!!!!!!!!!!!!! in società simili in europa e nel mondo i dipendenti sono almeno un terzo in meno! Ci sono quasi più direttori e dirigenti che dipendenti la pacchia a nostre spese deve finire ?

    Report

    Rispondi

  • totareo

    27 Febbraio 2015 - 11:11

    l'eredità di papà continua a pesare

    Report

    Rispondi

  • agostino.vaccara

    31 Luglio 2014 - 13:01

    Questa ha vissuto di "rendita" per tutta la sua vita in virtù del nome illustre che porta! Purtroppo non ha ancora capito che un nome non basta più: i tempi cambiano e cambiano anche le tendenze . Berlinguer, quello vero, è stato un politico di spicco in epoche ormai lontane. Ma ormai è morto da molti anni, non si può vivere di ricordi, si deve andare avanti e, nel futuro, berlinguer non c'è più!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog