Cerca

La rivelazione

Gli amici di Robin Williams: "Si è suicidato perché hanno cancellato il suo programma"

Gli amici di Robin Williams: "Si è suicidato perché hanno cancellato il suo programma"

"Non si è suicidato per il Parkinson". L'ultimo retroscena sulla scomparsa di Robin Williams lo raccontano "alcune fonti vicine all'attore" che danno una lettura diversa sulla tragedia di qualche giorno fa: "Una profonda depressione dovuta alla cancellazione della sua sitcom per la televisione "The Crazy Ones, per lui è stato come un fallimento personale".  Questa - e non, come era stato ipotizzato in un primo momento, l'abuso di sostanze stupefacenti - la ragione del suo ingresso nel centro di recupero Hazelden Addiction Treatment Center il mese scorso. Secondo tmz.com, Williams stesso avrebbe giustificato le proprie gravi crisi depressive lamentandosi degli anni che passano e dei ruoli cinematografici destinati a farsi via via sempre più rari e meno importanti, citando come esempio anche quello del collega sul set Robert De Niro. Williams avrebbe sofferto di questi sintomi per circa cinque mesi: un periodo di tempo sufficiente, purtroppo, per portarlo al suicidio. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ilamar

    18 Agosto 2014 - 16:04

    Lo giudico solo come attore...e mi mancherà perché era geniale. Il resto son chiacchiere inutile buone per i commenti idioti!

    Report

    Rispondi

  • lepanto1571

    18 Agosto 2014 - 10:10

    Il messaggio che mandano i giornali è che un tossicomane alcolizzato e viziato merita un qualche riconoscimento sociale e gli onori della cronaca. Era solo un guitto, bravo come attore ma miserabile come uomo!

    Report

    Rispondi

  • zydeco

    17 Agosto 2014 - 16:04

    Certo che tutto questo gossip sulla vita privata di Robin Williams, mi da' un po' fastidio. Le cosiddette fonti vicine all'attore farebbero meglio a tenere la bocca chiusa. Ma come uno muore e non puo' piu' controbattere saltano fuori i bene informati e i giornalisti che pubblicano opinioni personali di non si sa chi senza uno straccio di una prova.

    Report

    Rispondi

blog