Cerca

Niente plastico

Porta a Porta: Vespa in studio con un kalashnikov (finto)

Porta a Porta: Vespa in studio con un kalashnikov (finto)

Nessun plastico, questa volta, per descrivere gli attentati di Parigi, la fuga dei terroristi e la loro uccisione. In compenso, il conduttore di "Porta a Porta" Bruno vespa si è presentato in studio brandendo un fucile kalashnikov uguale a quello usato per le stragi in Francia. Una copia, naturalmente, come si è premurato di copmunicare agli spettatori e agli ospiti in studio. Precisazione che, però, non è bastata a tranquillizzare l'ex ministro della Difesa e deputato di Fratelli d'Italia, Ignazio La Russa. Il quale, visibilmente nervoso, ha intimato a Vespa di badare a quel che faceva: "Non si punta mai un fucile, neanche scarico".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cavallo.pierluigi

    11 Gennaio 2015 - 09:09

    non aveva neppure il tappo rosso bella cazzata

    Report

    Rispondi

  • toscano05

    10 Gennaio 2015 - 16:04

    Stragi uccisioni per Vespa come per altri e solo occasione di spettacolo, quello non e giornalismo ma giornalaio

    Report

    Rispondi

blog