Cerca

La protagonista

Festival di Sanremo, la storia di Arisa alla kermesse: cacca, infortuni gaffe e sfuriate

Festival di Sanremo, la storia di Arisa alla kermesse: cacca, infortuni gaffe e sfuriate

Per qualcuno è la vera comica di Sanremo. Per altri è drammaticamente svalvolata. Per altri ancora è semplicemente inadeguata. Arisa forse è tutte e tre le cose insieme, e gli antidolorifici presi dopo l’infortunio al ginocchio, probabilmente mischiati a Tavol ed Lsd, non sono gli unici responsabili delle sue gaffe, visto che già il secondo giorno, alle 12.30 del mattino in conferenza stampa, ufficialmente sobria, parlava del suo ciclo e della cacca che «fanno tutti». Il che è anche vero, ed è anche vero che le donne in quel periodo hanno sbalzi d’umore, ma non è tutte si trasformano in Ace Ventura.

Trentadue anni, vissuta a Potenza, ex estetista esplosa a Sanremo con Sincerità quando ancora aveva abiti da cartone animato, occhialoni e aria da Calimero, ex giudice di X Factor, ha vinto lo scorso Festival con Controvento. È una cantante (bravissima) che vuole a tutti i costi fare la showgirl, dal talent di Sky alle partecipazioni da Victoria Cabello, ma anche la pittrice e l’attrice (e la comica, pare). È stata lei stessa a telefonare a Carlo Conti pregandolo di farle fare la valletta. E forse per lo stress festivaliero, forse perché i capricci da diva sono spesso un modo per vincere l’insicurezza, dopo due giorni ha licenziato la sua addetta stampa. Nessuna lite, nessuna spiegazione, forse la sua amicizia con Emma (di cui in precedenza curava la comunicazione), fatto sta che non ha più voluto con sé la pierre che se ne è tornata a Milano. Da lì le voci di dissapori con la co-valletta.
Dicono che al Festival fosse vestita male.

Ma se paragoniamo il suo dress code alla sua lucidità ne esce come Anna Wintour. L’apice è stato del giovedì. Rosalba Pippa, vero nome di Arisa, arriva sul palco zoppicante e non scende la scalinata. Durante i festeggiamenti della sera prima - dice - si è frantumata un ginocchio sulle scale. In diretta inizia a ridere in modo isterico. «Il dottore di Sanremo mi ha dato un anestetico, e sta facendo effetto». «Non un anestetico, volevi dire un antidolorifico». «Sì, un antidolorifico. Ma anestetico ed antidolorifico non sono la stessa cosa?». Infine: «Lo consiglio a tutti!». Fa smorfie e facce tra il dolore e lo strafatto, mostra la mano sinistra in cui si è scritta il nome del medico che le ha consigliato l’antidolorifico che probabilmente ha mixato con due Mojto a stomaco vuoto, fatto sta che su Twitter tutti chiedevano il nome del dottore per farsi prescrivere la stessa cosa presa dalla showgirl. Racconta nelle interviste di aver sostituito i tarocchi all’analista, e le carte dicono che ha una questione irrisolta dentro di sè. «Forse sono bisex», azzardò.

Anche venerdì sera non appare in grande forma. Tra l’avvinazzato e il molesto. Ci «prova» con Nesli: appena finisce di leggere il gobbo, dice: «Voglio dargli un bacio». Non la sente nessuno, forse solo Conti, che fa finta di nulla. Lei insiste: «Voglio dargli un bacio». Conti: «Non puoi baciare Nesli, è un concorrente in gara». Arisa fa spallucce e gli manda un bacio. «Se la fuoranza di Arisa la stanno scrivendo gli autori, è il momento del riscatto», commentano su Twitter.

Ieri mattina il tracollo. La cantante ha disertato la conferenza stampa. Motivo ufficiale: «dolore al ginocchio». Ma considerando che Raf ha cantato con la bronchite e che Barbara D’Urso conduce con 39 di febbre, la motivazione non regge. Anche perché in conferenza stampa devi parlare, mica correre una mezza maratona. Parlare, appunto... forse i responsabili della Rai hanno fatto un favore alla cantante e le hanno impedito di ripetere l’expliot della cacca. E ieri sera ha esordito con un poco incoraggiante «Oddio non capisco più un cavolo». Arisa è talmente ai confini della realtà che le agenzia di stampa, che di solito riportano ogni minimo particolare, si rifiutano di batterne le sue strambe dichiarazioni. «C’è un linea sottilissima che separa la simpatica goffaggine dall’imbarazzante inadeguatezza. E qualcuno dovrebbe spiegarlo ad Arisa», scrive il Fatto Quotidiano.

La prossima volta fatela cantare di più. O fatela cantare e basta.

di Alessandra Menzani

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marcolelli3000

    16 Febbraio 2015 - 13:01

    va a cuba . dice "prima che vanno gli Americani". e ride. appunto vada in fretta perche' quando vanno gli Americani col ca$$o che lei canta. Quelli (gli Americani) non la vedono nemmeno. Ma questa fa le battute da "intellettuale anti-americano" che va tanto di moda. si si.. vada vada.. vada ora, prima che arrivano quelli veri.

    Report

    Rispondi

  • marco.ravich

    16 Febbraio 2015 - 08:08

    Mah, credo proprio che tutte 'ste gaff siano state fatte "ad arte" ed Arisa ci fà, ma non ci è. Bel décolleté e bella voce, comunque.

    Report

    Rispondi

    • Garrotato

      16 Febbraio 2015 - 10:10

      Già. Ma dovrebbe cantare col burka.

      Report

      Rispondi

blog