Cerca

Il ritorno

Maurizio Costanzo: "Torna il mio Maurizio Costanzo show, ecco come sarà"

Maurizio Costanzo: "Torna il mio Maurizio Costanzo show, ecco come sarà"

Torna Maurizio Costanzo show. Andrà in onda ad aprile su Rete 4.Maurizio Costanzo conferma le indiscrezioni che si erano rincorse nei giorni scorsi e conferma che il 12 aprile ci sarà la prima punta del suo Maurizio Costanzo Show dopo l’ultima puntata del 9 dicembre 2009. In un’intervista al Corriere della Sera, Costanzo spiega che “sarà un po' come ritrovarsi al Parioli ma trasferiti agli stabilimenti De Paolis con la possibilità di poter mostrare, alle spalle, fotografie e filmati”. E anrticipa: “Mi concentrerò sulla famiglia. Sul legame più antico della nostra società, della nostra cultura. Da un po' di tempo la famiglia è messa da parte, nel panorama mediatico. Eppure è sempre stata lo sfondo prediletto della grande stagione della Commedia all' italiana: tutto aveva come perno quella cellula fondamentale dell' italianità”. La prima puntata sarà dedicata al tema della vedovanza. “Spero di avere in studio le vedove di Mike Bongiorno, di Nino Manfredi e di Gianfranco Funari. La scomparsa del coniuge è una variabile molto particolare della separazione. Si parla continuamente, appunto, di divorzi e separazioni. Mai di quell' aspetto che coinvolge migliaia di persone. Poi passerò al rapporto tra padri e figli. Vorrei Vittorio Sgarbi con il figlio. Vedremo”. Costanzo spiega come nessuno finora abbia proposto la formula del “fritto misto” cioè l’accostamento di tanti generi ed è per questo convinto che c’è spazio per Maurizio Costanzo show. “Oggi come oggi, se mai dovessi ospitare un politico in trasmissione gli chiederei di parlare di se stesso, del rapporto con la vita normale. Altrimenti meglio che non venga”.

La nuova formula - Per quanto riguarda il nuovo Maurizio Costanzo show, il giornalista spiega che: “Ci sarà una piccola orchestra, filiazione di quella di Demo Morselli che ora lavora alla Rai. Ho mantenuto la sigla storica. Giocherò ancora la carta della passerella, non solo come elemento di memoria”. Costanzo è d’accordo con Renzi sul fatto che la Rai debba diventare il motore culturale del Paese: “La Rai propone cose molto buone ma, di fondo, mi sembra priva di vere, grandi iniziative televisive. Io capisco molto bene le difficoltà del direttore di Rai1, Giancarlo Leone, amico e grande professionista. Ma mi chiedo se la mancanza di un vero, grande show all' italiana possa essere risolto con una gara di pattinaggio sul ghiaccio. Quanti italiani pattinano? Il gelo del ghiaccio rischia di arrivare al telespettatore. Se Renzi modifica la governance affidandole una missione chiara di cambiamento, penso che la Rai potrà davvero guardare al futuro».

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • vincenzo.cerasuolo

    27 Marzo 2015 - 13:01

    Sono Vincenzo Cerasuolo: mi diletto a scrivere poesie ed aforismi, principalmente in vernacolo partenopeo; avrei piacere di farmi conoscere. Sono su Facebook dove dò il buongiorno a tutti i miei amici in poesia. Se me lo richiederete, Vi mando il mio curriculum letterario. Aspetto Vostre notizie. Il mio indirizzo email è vincenzo.cerasuolo@libero.it.

    Report

    Rispondi

  • aldo42

    26 Febbraio 2015 - 10:10

    Ma quando lo mandano al ricovero ?

    Report

    Rispondi

  • TOCAI

    26 Febbraio 2015 - 09:09

    La Rai in mano al Pinocchietto ? Stiamo veramente freschi ! Ma quale chiara missione di cambiamento farà ? Essere osannato da mattina a sera dai soliti leccaculi comandati a bacchetta.

    Report

    Rispondi

blog