Cerca

Tempi di austerity

Crisi, Babbo Natale non risponderà più alle lettere dei bambini

Crisi, Babbo Natale non risponderà più alle lettere dei bambini

Neanche Babbo Natale è riuscito a sfuggire alle misure di austerità. I bambini che gli scriveranno quest’anno rischiano infatti di non ricevere nessuna risposta alle letterine a causa dei tagli alle spese adottati dal suo ufficio postale ufficiale a Rovaniemi, in Finlandia, che fu aperto una decina di anni fa. L’ufficio ha annunciato che potrà inviare soltanto "qualche migliaio" di lettere, e scritte esclusivamente in inglese. L’anno scorso circa 500mila bambini provenienti da tutto il mondo hanno scritto a Babbo Natale per rivelargli i loro desideri e chiedere regali; chi ha incluso un indirizzo completo, ha ricevuto una lettera in cui si parlava della Finlandia e della Lapponia, regione in cui si crede abiti Babbo Natale. E le lettere di risposta erano scritte in diverse lingue. Auli Sihvo, direttrice dell’ufficio postale di Babbo Natale, ha assicurato in un’intervista alla rivista finlandese Seura che anche quest’anno tutte le lettere saranno aperte, sebbene non tutti i bimbi avranno la fortuna di ricevere una risposta. L’anno scorso l’ufficio postale di Rovaniemi aveva ricevuto un contributo di 84mila euro dal governo di Helsinki, ma quest’anno non ha fatto domanda di finanziamenti, spiegando che si tratta di un processo "estremamente complicato". Nel 2014 la Cina ha superato il Regno Unito e la Polonia, diventando il principale Paese di origine delle letterine, che sono diventate per la Finlandia una forma di promozione turistica.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mauriziocontro2014

    04 Aprile 2015 - 07:07

    è ora di smetterla di raccontare balle ai bambini x mantenere i grandi tipo il vaticano palando di babbo natale la befana e così via a mangiare visto che il governo finanzia queste buffonate x far credere che sono tutti cattolici i bambini queste cose le capiscono più di noi ma stanno al gioco visto che ne ricavano qualcosa ecosì il vaticano di più ciao

    Report

    Rispondi

blog