Cerca

L'accusa

Gabriele Muccino contro il David di Donatello: "Premiano i più simpatici (a loro), i più sconosciuti o i migliori?"

Gabriele Muccino contro il David di Donatello: "Premiano i più simpatici (a loro), i più sconosciuti o i migliori?"

Ci sono dei dissapori che non passano nemmeno con il passare del tempo. Come quelli fra Gabriele Muccino e il David di Donatello. Già nel maggio dell’anno scorso il regista aveva attaccato pesantemente la manifestazione, definendola su Facebook “una pagliacciata lobbistica 'der cinema' italiano". E un anno dopo le stesse accuse, diverse per tipologia ma identiche per peso, si ripresentano dal suo profilo Twitter.

Coltelli e rancori – “È stato bello ieri sera alla premiazione dei David ritrovarsi a casa ma certo sembrava volassero più coltelli che in una macelleria". Così Muccino in uno dei suoi tanti post, e a placarlo non è servita nemmeno la vincita di un premio: “Ieri sera ho ritirato un David Speciale. Ma perché Speciale? Non ricevo candidature dal 2003 quando per Ricordati di me, su 13, ne vinsi 0". Insomma, il regista non dimentica il passato e anzi, continua ricordando che "la Giuria dei David non considerò i miei primi 2 film americani nemmeno candidabili nella cinquina dei film stranieri. 450 milioni di dollari nel mondo". Tant’è che Muccino, ha un certo punto, si è anche chiesto: “ma premiano i più simpatici ( a loro ), i più sconosciuti o i migliori?". Me lo chiedo da sempre.”

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • millycarlino

    14 Giugno 2015 - 11:11

    Muccino, una domanda sola, ma perché partecipi? Milly Carlino

    Report

    Rispondi

  • totano54

    14 Giugno 2015 - 01:01

    Chissà i premi che hai preso tu perché te li hanno dati...

    Report

    Rispondi

  • lupoWolf

    13 Giugno 2015 - 17:05

    Caro Muccino, questi premi sono dati non per meriti, ma solo per amicizia. Tempo fa mi trovavo per caso in una riunione a Cinecittà, quando alcuni personaggi si posero il quesito a chi dare il premio, Decisero di darlo all'amico più vicino alle loro idee.

    Report

    Rispondi

blog