Cerca

La vicenda

Laura Antonelli chiese i danni per il botox ma perse la causa

Laura Antonelli chiese i danni per il botox ma perse la causa

Laura Antonelli era bellissima ma è stata completamente rovinata dalla chirurgia plastica. Durante la lavorazione del remake del film che l'ha resa celebre, Malizia 2000, l'attrice si sottopone alle cure di un chirurgo estetico, il quale le pratica delle iniezioni di collagene al viso, per nascondere alcuni inestetismi tipici dell'età, ma il risultato è tremendo: il suo viso risulta deturpato. L'attrice denuncia quindi il produttore e il regista del film rei di averla costretta a sottoporsi al trattamento anti-rughe, nonché il chirurgo plastico, per avere materialmente eseguito le iniezioni di collagene. Secondo i legali di Laura Antonelli i trattamenti estetici avrebbero sfigurato la propria assistita a seguito di una reazione allergica alle sostanze iniettatele. In conseguenza di ciò, ai tre viene chiesto un risarcimento di trenta miliardi di lire.

Il verdetto - Dopo tredici anni di attesa, il Tribunale di Roma respinge la richiesta di maxi risarcimento e sentenzia che le alterazioni dermatologiche patite da Laura Antonelli non vanno ascritte alle sostanze iniettatele, bensì ad una reazione allergica nota come edema di Quincke, che non ha nulla a che vedere con il trattamento estetico praticatole. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog