Cerca

Aveva 94 anni

Tv, morto il regista Sergio Sollima: maestro degli Spaghetti Wester e "papà" del mitico "Sandokan" con Kabir Bedi

Tv, morto il regista Sergio Sollima: maestro degli Spaghetti Wester e "papà" del mitico "Sandokan" con Kabir Bedi

Lutto nel mondo del cinema e della tv, la notte scorsa è scomparso a 94 anni il regista Sergio Sollima, padre di Stefano (autore delle serie Sky Gomorra e Romanzo criminale) e storico regista della tv italiana degli anni Settanta. Formatosi come autore di spaghetti western negli anni ’60, Sollima nel decennio successivo diresse la serie di culto Sandokan, uno dei maggiori successi della tv dell'epoca, che lanciò la stella di Kabir Bedi. La camera ardente si terrà venerdì dalle 10 alle 13 presso la Casa del
Cinema di Roma.

Nato a Roma il primo aprile 1921, Sergio Sollima inizia la sua attività come critico cinematografico e come autore di teatro. Al cinema lavora come assistente di Domenico Paolella e si fa apprezzare come sceneggiatore, prima di passare alla regia nel 1962 con un episodio di L'amore difficile realizzato insieme a Luciano Lucignani e Alberto Bonucci. Dirige quindi film di genere: dai polizieschi ai thriller e agli "spaghetti western" di cui diventa uno dei maestri. A metà degli anni '70 dirige lo sceneggiato televisivo Sandokan ispirato ai romanzi di Emilio Salgari: i sei episodi trasmessi dalla Rai dal 6 gennaio del 1976 registrarono il record di
ascolti e sono stati riproposti dalla tv di Stato fino ai giorni nostri. Sulla scia del successo di Sandokan, Sollima porta al cinema, ancora da Salgari e con protagonista Kabir Bedi, Il corsaro nero e La tigre è ancora viva: Sandokan alla riscossa. La sua ultima regia è ancora una volta un omaggio a Salgari e, ancora, con Kabir Bedi protagonista: la miniserie tv in due puntate del 1998, Il figlio di Sandokan.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog