Cerca

Nonostante il finanziamento pubblico

La Trattativa: il film-flop della Guzzanti le fa perdere 50mila euro

La Trattativa: il film-flop della Guzzanti le fa perdere 50mila euro

Nonostante il battage pubblicitario, il nome altisonante della regista e un bel gruzzolo di soldi pubblici come finanziamento, La Trattativa, il documentario di Sabina Guzzanti sulla trattativa Stato-Mafia, è stato un colossale flop al cinema. Talmente flop che, come racconta www.andreagiacobino.wordpress.com, si è riunita l’assembla della Secol Superbo e Sciocco Produzioni srl di cui la Guzzanti è azionista al 95%. Motivo? Per trovare il modo di "coprire, mediante parziale utilizzo dei 69.000 euro della riserva di utili portati a nuovo, la perdita di 50.000 euro verificatasi nel bilancio 2014, il secondo esercizio dell’attività, nel quale il fatturato anno su anno è sceso da 217.243 a 154.820 euro", scrive il sito. Sabina Guzzanti spiega:  “L’esercizio di riferimento del periodo è stato caratterizzato dal termine della produzione del film La Trattativa. Purtroppo le vendite nelle sale cinematografiche non sono state conformi alle aspettative e il rendiconto del distributore reca un saldo negativo per la società”.

Alla voce dei ricavi contribuiscono oltre 126.000 euro che arrivano dai contributi pubblici riconosciuti al film-flop dal Ministero dei beni e delle attività culturali. La pellicola della Guzzanti, distribuita dalla BiM Distribuzione, fu presentata fuori concorso alla Mostra del Cinema di Venezia dello scorso anno. Soldi pubblici, dunque, spesi malissimo. E non è la prima volta

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • celafio

    04 Luglio 2015 - 09:09

    Nessuna vergogna per aver delapiato soldi pubblici, anzi ne chiede ancora. Andasse a zappare sanguisuga del popolo!!!!!

    Report

    Rispondi

  • ireneus

    04 Luglio 2015 - 08:08

    Perché non la oscurate questa istriona

    Report

    Rispondi

blog