Cerca

Tv

Agon channel allo sbando dopo meno di un anno: star in fuga

Agon channel allo sbando dopo meno di un anno: star in fuga

Il tramonto di Agon channel. Agon è il canale italiano, nato lo scorso 26 novembre in Albania, dove agon significa alba. Il progetto dell'editore Francesco Becchetti prevedeva una piattaforma produttiva con diversi canali Agon in Italia, Germania, Gran Bretagna, per un investimento di 40 milioni di euro. La base produttiva sarebbe rimasta a Tirana dove i costi sono più bassi.

I dirigenti - In realtà, come riporta il quotidiano "Italia Oggi",  da quest'estate il progetto ha preso una brutta piega, con la fuga di dirigenti e delle star italiane reclutate da Becchetti. Se ne sono andati  il direttore di rete Lorenzo Petiziol (in gennaio) e il suo successore Massimo Righini (lo scorso 15 luglio). Il direttore delle news, Antonio Capranica, è durato poche settimane, ed è stato sostituito in dicembre dal capo dello sport Giancarlo Padovan. Anche il responsabile del casting, Andrea De Caro, ha mollato.

Guai giudiziari - I problemi sono iniziati a giugno quando la magistratura di Tirana ha spiccato un mandato di cattura per Becchetti. Da quel momento la casa editrice e i suoi conti sono stati bloccati e non è stato più possibile fare  o rinnovare contratti.

Le star - In seguito la fuga delle star ingaggiate da Becchetti. I contratti sono tutti scaduti,  e in  palinsesto ora rimangono solo le repliche delle trasmissioni di Pupo, Sabrina FerilliMaddalena Corvaglia, Veronica Maya, Monica SettaGiorgia Palmas, Luisella  Costamagna, ecc.

Futuro incerto - Ora Becchetti è a Londra e non può mettere piede in Albania, Padovan fra la spola fra Tirana e l'Inghilterra per preparare i nuovi progetti editoriali, ma non sembra una soluzione sostenibile a lungo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • elon

    16 Settembre 2015 - 09:09

    Ed ora questi disoccupati di lusso che faranno?

    Report

    Rispondi

  • alvit

    16 Settembre 2015 - 06:06

    speriamo che tutti coloro che lo avevano seguito, rimangano in albania e non tornino in Italia a pontificare. Sono tutte delle scartine, l'albania potrebbe tenersele come preda di guerra, per i soldi che avanza dal fuggitivo.

    Report

    Rispondi

  • cicalino

    15 Settembre 2015 - 17:05

    Speriamo che Becchetti rimanga a Londra...E' una bellissima città e si mangia bene, ma solo nei ristoranti italiani....

    Report

    Rispondi

blog