Cerca

L'intervista su Libero

Sanremo, Chiambretti contro Fazio: "Il suo Festival è una messa, sono tutti buoni"

Pierino la Peste su Radiodue fa la "contro-kermesse" e colpisce duro il dominatore dell'Ariston: "Rosso? Piuttosto, di centro"

Sanremo, Chiambretti contro Fazio: "Il suo Festival è una messa, sono tutti buoni"

di Alessandra Menzani

Due volte conduttore di Sanremo, una volta mattatore del Dopofestival,  Piero Chiambretti oggi sguazza nell’etere con Comunque vada sarà Sanremo, controcanto in diretta su Radio 2 che segue e commenta la  kermesse ufficiale. 
Si diverte?
"Beh divertirsi è una parola grossa".
Un po’ sì, dai.
"La radio mi piace. Non ha pressioni, non hai recensioni, puoi divagare. Certo, puoi farla bene o male. Abbiamo iniziato con quattro ore di diretta e uno scoop. L’attentatore del Papa che parla del Festival".
Ma che c’entra Ali Agca con Sanremo?
"Il giorno prima il Papa si è dimesso. E abbiamo chiesto cosa pensasse l’attentatore di un Papa delle le dimissioni del Papa successivo. C’entra tutto. Sanremo è lo specchio dell’Italia". 
E allora questo che Festival è?
"Più che Festival dell’Unità, come dice Berlusconi, lo chiamerei Festival dell’amicizia. I cantanti sono amici, i dirigenti sono amici, i giornalisti sono amici, la tv è amica, anche la tv rivale lo è visto che non c’è contro-programmazione. Aspetti che passa Toto Cutugno. “Toto, ti chiamo dopo per la radio, complimenti”. Dicevamo?".
Il Festival dell’amicizia. Un Festival democristiano?
"Un festival di centro. Festival dell’amicizia perché nonostante la crisi siamo vivi  e possiamo permetterci la tv per guardarlo. Significa che qualcosa si muove.  Sanremo ha nel dna la vitamina per rassicurare gli italiani". 


Leggi l'intervista integrale a Piero Chiambretti
su Libero in edicola oggi, giovedì 14 febbraio

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giacomolovecch1

    15 Febbraio 2013 - 00:12

    il festival di Sanremo era intercalato da qualche canzone, il resto pubblicità a dismisura.

    Report

    Rispondi

  • vecchiodeluso

    14 Febbraio 2013 - 15:03

    quando mancano i neuroni ci si rifugia nelle canzoni.

    Report

    Rispondi

  • sardapiemontese

    14 Febbraio 2013 - 15:03

    bugiardo!!!!! la comiconzola per anni ha sguazzato nei soldi di berlusconi...te la ricordi su italiauno??? poi se n'è andata...forse non gli bastavano più i soldi.....

    Report

    Rispondi

  • noinciucio

    14 Febbraio 2013 - 13:01

    sara' pure gracidar di rana, ma da oggi non pagherò più il canone, perchè non voglio sovvenzionare certa gente con i miei soldi! specialmente, poi, le amiche di terroristi, peraltro stonate come una campana!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog