Cerca

Satira

Donald Trump dà lezioni di canto (e stile) a Justin Bieber

Donald Trump

Enemies, nemici, vi sto scrivendo coi piedi, perché me so’ cadute le braccia... Ah ah ah, I'm joking, sto a scherza’. Ma in senso metaforico è vero. Yesterday on Free, ieri su Libero, ho letto che Justin Bieber dovrebbe cambiare la copertina del suo nuovo disco per il mercato islamico, perché ai muslim non stanno bene le croci che si vedono nella foto! WHAT THE FUCK, MA CHE CACCHIO di livello di schiavismo abbiamo raggiunto? Allora now, allora adesso, eliminiamo l'incrocio tra due rette perpendicolari dalla geometria perché ricordano la croce cattolica ai muslim? Ehi, ahò, are we going crazy?, stamo a impazzi'?

La lesson of life, la lezione de vita, di oggi, mi pare evidente che sia "never give ass", "mai mettersi a quattro zampe". Solo il morto di fame nell'animo deve subire sottomissione nella vita e negli affari, e Justin non lo è. Justin, dai retta a Donald che sa come si vive e come si ottiene rispetto dagli altri. You, the cover, tu, la cover, nun la cambi. Se ai muslim non piace, non la comprano. Justin, devi diventa' più omo, più sicuro de te. Io, per esempio, sto registrando un disco di cover. In copertina ci sarò io nudo dipinto d'oro, and if people don't like it, who the fuck cares!, e se alla gente non piace, chi cacchio se ne frega!

Ho già registrato la cover di Jump dei Van Halen. Si intitola Trump, e come strumentisti ho preso i Van Halen. Registrata sempre con loro anche quella di Disperato erotico stomp di Lucio Dalla, si intitolerà Superdotato erotico Trump. Quasi finita anche quella di Pump up the jam dei Technotronic, che si intitolerà Trump up the jam, quella di Girls just want to have fun di Cindy Lauper, che si intitolerà Girls just want to have Trump, e quella di Bette Davis eyes che si intitolerà Donald Trump eyes.

Justin, and you too, e anche voi, morti di fame nell'animo, si vive una volta sola e dovete give the ass, mettervi a quattro zampe, solo se incontrate uno che sia più dio di voi. Sapete che cane toy ho io? È una razza che ho fatto creare apposta per me, la Dobertrump, è un feroce Dobermann da taschino. Quando, durante un affare, l'interlocutore dice qualcosa di storto, io glielo lancio in faccia, cosicché Dobertrump gliela distrugga a morsi, per poi ritornare a cuccia nel mio taschino grazie al guinzaglio in oro elastico. Poi sputo in faccia, anzi a quello che è rimasto di faccia, dell'insolente che ha osato farmi perdere tempo con le sue cavolate, e me ne vado. Altro che cambia' copertina, Justin! Wake up, Justin! Svejate, Justin!

Gemma Gaetani

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog