Cerca

Soldi, soldi, soldi

Rai, tangenti e appalti truccati: nel mirino il Festival di Sanremo

Carlo Conti e Arisa

Irregolarità nella scelta delle ditte a cui affidare lavori e commesse, per affari da centinaia di milioni di euro. Questi i presupposti della nuova bufera che si sta abbattendo sulla Rai. Come riporta il Corriere della Sera, venti giorni fa, la Guardia di Finanza ha eseguito l'ordine di esibizione dei documenti che riguardano 37 dossier su indagini condotte negli ultimi due anni. Le prove sono state raccolte dal 2013 con l'aiuto di un superteste che sta aiutando gli inquirenti a ricostruire la vicenda.

La rete dei fratelli Biancifiori - Le indagini, guidate dal pubblico ministero Paolo Ielo, riguardano soprattutto il Festival di Sanremo per cui sarebbero state versate delle mazzette dalle ditte interessate all'appalto. Sono coinvolti inoltre programmi di approfondimento giornalistico e anche svariate fiction. I principali indagati sono i fratelli David e Danilo Biancifiori titolari delle società Diand lighting and Truck e DibiTechnology, principali fornitori di apparati tecnici per la Rai degli ultimi anni. I due Biancifiori sarebbero stati aiutati Roberto Gasparotti, il responsabile dell'immagine di Silvio Berlusconi ai tempi in cui il Cavaliere era a Palazzo Chigi. Inoltre, la rete dei due imprenditori, si è estesa negli anni ed è arrivata a coinvolgere anche Mediaset, La7 e Infront. Bastava pagare e l'appalto se lo aggiudicavano loro. 

I vertici - Le scoperte degli inquirenti possono portare a grandi nomi di dirigenti Rai. Con l'incrocio dei dati raccolti dal 2013 in avanti, infatti,è possibile ricostruire il percorso dei soldi, compreso il trasferimento di fondi all'estero come volevano in molti ai piani alti. E ora, i vari responsabili degli uffici competenti dell'azienda di Stato vengono interrogati su eventuali anomalie, ma tutti dicono di ignorare quello che è successo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Oscar1954

    27 Ottobre 2015 - 10:10

    Non si capisce dove sia la notizia. In Italia è tutto truccato e venduto al miglior offerente.

    Report

    Rispondi

  • dondiego49

    dondiego49

    26 Ottobre 2015 - 21:09

    questo fa capire il perché non si decidono a fare in modo che i condannati di reati siano certi di subire la condanna per intero ,e non come ora che invece di 10 anni ne subisce sollo 4 messi ,il problema e che una gran parte dei dirigenti e politici rischia di finirci dentro ,

    Report

    Rispondi

  • attualità

    26 Ottobre 2015 - 19:07

    Perche' il Festival doveva restare fuori delle tangenti?? Le tangenti si pagano anche per le sagre paesane !! la tangente piu' alta e' stata pagata col festival che ha condotto quel fazio.. fazioso..

    Report

    Rispondi

  • kufu

    26 Ottobre 2015 - 19:07

    E' strano che ci soffermi solo alla RAI, quando nell'articolo i Biancifiore avrebbero messo le mani anche su Mediaset, La7 e Infront. Si apre un nuovo fronte "Tele Mafia Capitale"

    Report

    Rispondi

    • arwen

      26 Ottobre 2015 - 20:08

      Vedi, di MEDIASET e co, me ne frega tanto quanto. Che la magistratura indaghi e faccia il suo dovere. Ma la RAI, questo carrozzone inutile, lo finanzio io, lo finanzi tu e lo finanziano tutti quei poveracci COSTRETTI, da uno stato padrone, a pagare il canone, allora si che mi frullano le balle!

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog