Cerca

Bufera sulla Rai

Sanremo, Codacons: esposto dell'associazione contro la performance di Crozza per violazione della par condicio

L'iniziativa dopo la rivolta di molti abbonati Rai, sdegnati per la satira a senso unico del comico genovese

Crozza imita Berlusconi

Tutti contro Maurizio Crozza. Dopo le polemiche provenienti soprattutto da esponenti del centrodestra, anche il Codacons, stamattina, ha presentato un esposto per violazione della par condicio nella serata d'apertura del Festival di Sanremo, quando il comico de La7 inscenò uno sketch avente come bersaglio Silvio Berlusconi, attaccato persino, e soprattutto, sul piano personale. 


Satira a senso unico
- Con un comunicato stampa, l'associazione dei consumatori - non certo sospettabile di simpatie berlusconiane (nel 2004 fece una propria lista, Lista Consumatori, che due anni dopo si presentò con L'Unione di Romano Prodi) -  ha spiegato come "relativamente alla par condicio, a seguito di una serie telefonate da parte di tantissimi telespettatori, abbiamo ravvisato appunto una violazione", specificandone poi la natura: "La par condicio è regolata da norme precise e la Rai stessa ha rilasciato un regolamento in merito, sancendo a chiare lettere che in determinate situazioni tutti i politici non possono essere oggetti di determinati atteggiamenti in televisione; non possono essere attaccati dal punto di vista personale e lavorativo e in ogni caso, il tempo e lo spazio che si concede ad un politico deve essere dato in egual misura anche all'altro". In altre parole, si legge nel comunicato, ci sono stati due trattamenti diversi nella prima serata del Festival. Nei confronti di un personaggio c'è stato attacco smisurato e anche se vogliamo offensivo dal punto di vista sia politico che personale mentre per gli altri c'è stata una pura satira. Su uno si è agito pesantemente sugli altri no".

"Così si influenza il voto" - A chi vorrebbe comunque intravedere nella ratio dell'esposto delle motivazioni politiche, la rappresentate dell'associazione in Liguria, Diana Barrui, ha precisato - rispondendo alle domande dei giornalisti: "Noi contestiamo la diversità di trattamento. Dopo l'esibizione abbiamo ricevuto moltissime telefonate di sdegno dagli abbonati Rai. Tutti siamo obbligati a pagare l'abbonamento, è una tassa sul possesso e se la pago ho diritto ad un servizio, c'è la rai e la tv è uno strumento di comunicazione importantissimo. Se tu che hai il potere della televisione influenzi il voto, screditando un politico piuttosto che un altro, tu mi influenzi anche le votazioni. Quindi io che pago il canone ho diritto ad un servizio puntuale preciso ed imparziale”.

Le battaglie dell'associazione - In effetti, il Codacons si è sempre contraddistinto per un'energica e imparziale difesa del diritto dei consumatori ad essere informati e rappresentati: solo per fare un esempio, durante le elezioni del 2008 l'associazione presentò un esposto contro l'esclusione dal parlamento di Sinistra Arcobaleno e di La Destra. Ovvero, secondo i criteri di una vera ed effettiva parità di condizioni, principio che, evidentemente, non deve essere molto chiaro a Crozza, ne ai tanti che in seguito alle proteste di Berlusconi e i suoi dopo la puntata li hanno accusati di chissà quale volontà censoria.

L'Agcom decide di non intervenire - Intanto, ad correre in soccorso di Crozza ci pensa l'Agcom, che ha deciso di non comminare nessun tipo di sanzione o richiamo al comico, poichè, questa la motivazione, "le regole della par condicio non si possono applicare alla satira, anche se politica, e ha quindi deciso di non prendere provvedimenti per il monologo del comico Maurizio Crozza al Festival di San Remo". La decisione è stata presa a maggioranza, con l'opposzione di due commissari.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • futuro libero

    16 Febbraio 2013 - 12:12

    assunto per denigrare Berlusconi anche se poi avrebbe fatto delle comichette per salvare la faccia di monti bersani e ingroia è l'unico che pagherà a caro prezzo solo per colpa sua e del suo ego,sentirsi cioè l'unico comico di fare politica per il partito che lo paga con i nostri soldi.Chi troppo vuole alla fine nulla stringe.A me Crozza fra i molti comici di sx è quello che gradisco di più,almeno si sforza di fare satira su tutti,però non so se dopo Sanremo Crozza sarà guardato come il solito crozza.Questo è il rischio di chi accetta di fare politica così.Riuscirà a tornare a ballarò ed essere il vecchio crozza?

    Report

    Rispondi

  • Galleggiamo

    16 Febbraio 2013 - 11:11

    sostenendo che quel contestatore che ha disturbato il regolare svolgimento dello spettacolo, andava preso a manganellate come un volgare teppista di strada.

    Report

    Rispondi

  • Galleggiamo

    16 Febbraio 2013 - 11:11

    hai molti venerdì per poterti rifare.....

    Report

    Rispondi

  • biri

    16 Febbraio 2013 - 11:11

    Non c'è bisogno di cercare tanto per trovare un comico di destra. E' in tv tutti i giorni, racconta barzellette sporche, dice le parolacce, si traveste da contadino mungitore, da operaio, da uomo di Stato. Insomma, è il classico comico che piace ai bananas (quelli che senza la raffinata comicità all'inglese di Pierino e di Bombolo si sentivano orfani).

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog