Cerca

Stili di vita

Stragi Parigi, il regista Hazanavicius e la sua lettera porno contro i terroristi dell'Isis

Stragi Parigi, il regista Hazanavicius e la sua lettera porno contro i terroristi dell'Isis

L'orgoglio della Francia ferita a morte dalle stragi jihadiste di Parigi passa per il sesso. È una provocazione, la lettera scritta dal regista francese Michel Hazanavicius, premio Oscar per The Artist, e indirizzata agli assassini dell'Isis. Ma nemmeno troppo, perché secondo Hazanavicius il senso della "resistenza" all'orrore del terrorismo passa tutto dalle pratiche che più dividono Francia e occidente dall'oscurantismo dell'Islam radicale: il sesso, appunto, insieme al cinema, all'arte, al cibo. La gioia di vivere, insomma.

"A noi piace scopare" - "Fondamentalmente, in Francia, tra il nascere e il morire il più tardi possibile, l'idea è quella di scopare, ridere, mangiare, giocare, scopare, bere, leggere, fare un pisolino, scopare, discutere, magiare, dissertare, dipingere, scopare, passeggiare, fare giardinaggio, leggere, scopare, fare regali, dormire, guardare i film, grattarsi i coglioni, scoreggiare per far ridere gli amici, ma soprattutto scopare e, nel caso, farsi una bella e gioiosa sega". Il turpiloquio come arma per scandalizzare i jihadisti "medievali", perché la Francia "non è il Paese del morale ma del piacere". E allora via ai riferimenti "sconci e peccaminosi" a fellatio e cunnilingus: "Quello che ci piace è fare quello che vogliamo. Cerchiamo di non disturbare gli altri, questo è il principio, ma non ci piace che qualcuno ci dica quello che dobbiamo fare o quello che non dobbiamo fare. Si chiama Libertà".

"Non vincerete mai" - La speranza, forse la sicurezza è che i terroristi faranno sicuramente altri morti, ma non piegheranno mai lo stile di vita occidentale: "Agli occhi della Storia non sarete che i sintomi abietti di una ideologia malata. Naturalmente non vinceremo nemmeno noi. Altre persone moriranno, per niente. Altre decideranno di affidarsi ai Le Pen, agli Assad o ai Putin per sbarazzarsi di voi, e allora perderemo una seconda volta. Ma voi non vincerete. E quelli che resteranno continueranno a scopare, bere, cenare insieme, continueranno a ricordarsi di coloro che sono morti, e scoperanno".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lepanto1571

    20 Novembre 2015 - 10:10

    Non riusciranno ad uscire dal loro Medioevo. L'apporto culturale e scientifico degli arabi è stato modestissimo e limitato ad un certo numero di secoli. Si sono fermati perchè il loro libro non consente evoluzione.

    Report

    Rispondi

  • etano

    20 Novembre 2015 - 09:09

    In linea di principio è tutto condivisibile tranne il fatto che si dà per scontato che moriranno altri innocenti europei.

    Report

    Rispondi

  • francotala

    20 Novembre 2015 - 08:08

    Questo si chiama vivere, rispettare gli altrui ideali, ma difendere i propri, assieme ai diritti individuali. chi non rispetta questi principi, sono bestie viventi.

    Report

    Rispondi

blog