Cerca

La kermesse all'Ariston

Sanremo, tutta la verità sui cachet: John e Ghenea, quanto si intascano

Sanremo, tutta la verità sui cachet: John e Ghenea, quanto si intascano

Facciamo i conti in casa Conti, il baraccone del Festival 2016 iniziato ieri sera. Un’edizione se non low-cost, al risparmio rispetto ai Sanremo-folies di qualche anno fa quando le spese finali superavo di gran lunga il budget a disposizione di mamma Rai che, non dimentichiamolo, sciroppa entrate dal canone, quindi dalle nostre tasche. Nei giorni scorsi, il Direttore (in scadenza) di Raiuno Giancarlo Leone ha quasi ufficializzato il bilancio del Festival 2016: «Come l’edizione del 2015 era costata meno di quella del 2014, quella di quest’anno limerà ancora le uscite. Tre i motivi: le maggiori entrate dagli sponsor, le spese contenute per l’organizzazione e i cachet degli ospiti, e il minor costo dalla convenzione con il Comune di Sanremo, stipulata nel 2015, che ci fa risparmiare 1,5 milioni di euro rispetto al passato. A fine Festival dovremmo chiudere un bilancio in attivo tenendo conto dei 16 milioni necessari per le spese di produzione e dei 22 alla voce entrata».

Stringendo la cinghia il Festival cambia così rotta rispetto alle spese pazze di inizio millennio ma anche rispetto a quel che erano costate le edizioni tra il 2009 e il 2012. Anno in cui intervenì addirittura la Corte dei Conti per denunciare lo stato della casse del Festival, quasi al collasso. Ricordate? Nella edizione del 2010, condotta da Antonella Clerici, e in quelle targate Gianni Morandi (2011 e 2012) si registrò un saldo negativo tra i 4,8 e i 7,8 milioni di euro. Nel 2016, invece, la Rai è riuscita ad avere un attivo di 6 milioni.

Esaminiamo i compensi a conduttori e superospiti: Bonolis, nel 2010, si mise in tasca un milione di euro; la Clerici, l’anno dopo, 800.000 euro come Morandi nel 2011 e 2012. Fazio, uomo Rai, 700.000 nel biennio 2013 e 2014. Carlo Conti, forte del maxicontrattone con l’Azienda di Stato che prevede compensi separati per i programmi che conduce (L’Eredità, Tale e quale Show e I migliori anni) si accontenta di 550.000 euro (50.000 più rispetto al 2015) per il Festival che condurrà anche l’anno prossimo: «Mi dovrete sopportare anche nel 2017», scherza l’abbronzato Conti, che i suoi conti li fa bene visto che il pacchetto Raiuno lo porta a mettersi in tasca una cifra tre volte superiore a quel che prende per il solo Sanremo.
I tre co-conduttori costano 100.000 euro ma in tre: Madalina Ghenea è quella che si accontenta: 15.000 euro. Garko e Virginia Raffele si dividono il restante.

Capitolo superospiti: quest’anno gli assi di denari sono Elton John e Nicole Kidman che per la «sveltina» all’Ariston accettano bonifici da 300.000 euro l’uno. Cifra ben più modesta rispetto ai cachet stellari richiesti in tempi di vacche grasse quando Mike Tyson, John Travolta e Hugh Grant, per una decina di minuti all’Ariston, misero a segno dei piccoli furti legalizzati ripartendo con bottini intorno ai 600.000 euro.

Laura Pausini ha incassato 250.000 euro per uno show vero e proprio, poco più di Eros Ramazzotti, Pooh e Renato Zero.
Dai conti in tasca a quelli dell’auditel: gli ascolti del Festival di Conti 2015 sono stati eccezionali: quasi due milioni e 10 punti in più di share rispetto all’edizione-flop del 2014 condotta dalla coppia Fazio-Littizzetto: 49,87% con una audience media di 10,79 milioni di spettatori. La Rai, quest’anno, sogna il bis. Ma, per prudenza, accetterebbe un risultato attorno al 43% di share. Questo perché in genere si registra un calo tra il primo e il secondo anno.

Dietro le quinte, Carlo Conti si sta toccando.

di Riccardo Stella

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Sicurezzademocr

    10 Febbraio 2016 - 14:02

    Che vergogna, spot politici con i nostri soldi! non avrebbero dovuto consentire uno spot di tal genere, con nastri arcobaleno e pistolotto di un miliardario strapagato con i nostri soldi......

    Report

    Rispondi

    • cane sciolto

      10 Febbraio 2016 - 20:08

      Come non condividere, aggiungerei che è una vera vergogna e uno vero schifo dover cose del genere, quanto i cittadini Italiani alla fame, sfrattati che dormono per strada con morti x freddo, l'ultimo caso di un operaio che si è suicidato x aver perso il posto di lavoro, e questi DexxxxxxxxI fanno politica, buttano soldi a valanga al Festival Sanremo tanto non sono i loro, senza dignità e vergogna!

      Report

      Rispondi

  • arwen

    10 Febbraio 2016 - 12:12

    Comunque sia, soldi buttati.....

    Report

    Rispondi

blog