Cerca

Viva il piccione

L'assalto nazi-vegano al ristorante di Cracco. Parla lo chef: la confessione privatissima

Carlo Cracco

Due giorni fa un gruppo di esagitati che si dichiaravano animalisti ha fatto irruzione nel ristorante dello chef Carlo Cracco, a due passi dal Duomo di Milano, per contestare il fatto che il giudice di Masterchef cucinasse animali nel proprio locale. Al grido di "Assassino", i folli si sono guadagnati il loro momento di gloria mediatica, senza intaccare più di tanto la vita di nessuno, tantomeno di Cracco. Lo chef è al centro delle polemiche dei nazi-vegani per aver preparato un piccione durante una puntata dell'ultima stagione di Masterchef, facendo scoprire anche ai fondamentalisti amici a chiacchiere degli animali che in cucina esiste quel piatto e neanche da poco: "Cucino il piccione da 25 anni - ha detto Cracco - e di sicuro non smetterò ora di farlo. Oltre tutto sono pure vegano: per due giorni a settimana non tocco alimenti animali. Però ora basta". La vicenda è ormai bella che archiviata per lo chef stellato: "Siamo in democrazia - ha detto - e tutti possono parlare. Ma dare troppo spazio è sbagliato: sono solo stupidaggini. Non vale la pena".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog