Cerca

Cambio della guardai

Varetto, Gruber e Annunziata alla guida dei tre tg della Rai

Varetto, Gruber e Annunziata alla guida dei tre tg della Rai

I tre telegiornali Rai nelle mani di tre donne, tutte e tre (chi più chi meno) di sinistra. E' questo lo scenario che il quotidiano "Il Giornale" affaccia per il prossimo futuro dell'informazione sulla tv di Stato. I nomi, delle tre donne, sono quelli di Laura Varetto, attuale numero uno di SkyTg24 che andrebbe al timone del Tg1, di Lilli Gruber, che guiderebbe il Tg2, e di Lucia Annunziata, che tornerebbe clamorosamente a dirigere l'informazione di quella che un tempo era TeleKabul (ora dirige il sito huffingtonpost.it). Quest'ultimo telegiornale è, tra i tre, quello più nel mirino delle sfuriate renziane, la spina nel fianco del governo. Troppo vicino alla minoranza di sinistra del Pd. Sostituire la Berlinguer con l'Annunziata, scrive ancora il quotidiano di via Negri, avrebbe l'effetto di impedire alla minoranza dem di gridare al golpe. "Ora lavoriamo al prodotto, tra qualche mese sceglieremo le persone che meglio lo rappresentano" aveva detto qualche giorno fa il Direttore generale Campo Dall'Orto. Insomma, se ne parla, con ogni probabilità, dopo le amministrative di giugno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • freedom79

    12 Marzo 2016 - 11:11

    mamma mia siamo alle solite girano sempre i soliti volti che fanno asso piglia tutto non è piu' possibile in tutti i campi quando i giovani avranno spazio? intendo davvero spazio stiamo pagando errori dal dopoguerra di questi vecchi rimbambiti lavoreremo fino a 80 anni per poi crepare senza una pensione e per di piu' senza diritti e in giro intanto assistiamo ai soliti fenomeni, vergogna.

    Report

    Rispondi

  • paolo123

    08 Marzo 2016 - 12:12

    Un vero scandalo, poi non chiediamoci come mai siamo 72esimi nel mondo come libertà di stampa

    Report

    Rispondi

  • ghorio

    08 Marzo 2016 - 10:10

    Veramente si chiama Sarah Varetto, ma non mi pare che il tg Sky sia qualcosa di eccezionale: ricalca, in peggio, quello della tv pubblica e delle reti mediaset.

    Report

    Rispondi

blog