Cerca

Telespettatori

Mediaset, psicodramma a marzo. Numeri devastanti: quanto ha perso

14
Mediaset, psicodramma a marzo. Numeri devastanti: quanto ha perso

Perde quasi 1,3 milioni di spettatori Mediaset. Secondo ItaliaOggi, che riporta i dati Auditel, le tre reti del Biscione da marzo 2015 a marzo 2016 sono passate da 10.265.526 telespettatori a 8.975.766. Solo Canale 5 è calato di circa 600 mila telespettatori medi. Italia Uno, nel confronto con marzo 2015, scende di mezzo punto di share in prima serata e di 1,6 punti in seconda; Rete 4, invece, cala di mezzo punto in prime time e di 0,6 punti in seconda serata. L'ammiraglia Canale 5 scende di 1,2 punti in prima serata e di 1,3 punti in seconda.

Un marzo da dimenticare per Mediaset, da festeggiare invece per Rai Uno che raggiunge quasi il 20% di share medio in prima serata (Canale 5 è al 16,4%) e balza di quasi 4,5 punti percentuali in seconda, salendo a quota 17,5%. In generale, i canali Rai tutti insieme valgono il 37,16% di share nelle 24 ore, contro il 32,82% di Mediaset. Seguono, il gruppo Discovery (6,26%), le reti di Sky (5,72%), e il network La7 (3,44%).

Se si analizza la prima serata (quella che vale di più in termini di investimenti pubblicitari) la classifica cambia: la Rai domina sempre con il 38,38% di share, seguita da Mediaset al 33,47%. Al terzo posto c'è Sky con il 6,78%, davanti a Discovery col 4,55%, e La7, al 4,42%.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • patriziabellini

    24 Aprile 2016 - 15:03

    Magari lasciando a casa qualche conduttrice potrebbe recuperare diverse migliaia di spettatori

    Report

    Rispondi

  • fabio.verzegnassi

    24 Aprile 2016 - 13:01

    Per forza, la Rai si vede anche su SKY, reti del Biscione NO! Peggio per Mediaset!

    Report

    Rispondi

  • bilauri

    23 Aprile 2016 - 21:09

    Comunque siano i numeri è sempre un bel risultato per una emittente di cui non paghiamo un euro per vederla

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media