Cerca

Il ritorno

Amanda Lear torna con un nuovo disco: "La musica di oggi fa schifo, io seduco con la voce, non sculettando"

Amanda Lear

Settant’anni suonati e ancora tanta energia e voglia di far spettacolo. Amanda Lear è stata attrice, cantante, modella, pittrice e chi più ne ha più ne metta. Ora è tornata con un nuovo album Let Me Entertain You e brani che spaziano dal pop jazz alla cover di Macho Man, da Smile di Charlie Chaplin a un duetto inedito con cantautore Gianluca De Rubertis. Intervistata da Il Giornale, la musa e amante di Salvador Dalì spiega così il suo ritorno sul palco: “I miei fan si lamentavano che da tempo non facevo uno spettacolo… Del resto negli ultimi sette anni sono stata presa dal teatro. Così ho deciso di offrire loro un vero show su disco (doppio) più un dvd che rende ancora meglio l’idea della festa”.

“In tempi tanto neri c’è bisogno di un po’ di ottimismo, per questo ho scelto brani come Smile – continua la cantante - Ho scritto tante canzoni impegnate in passato, qui invece non c’è messaggio, ma la voglia di rappresentare un futuro più roseo”. Amanda Lear non risparmia le critiche sul mondo della musica di oggi. “La parola trasgressione non esiste neanche più; è tutto superato, omologato. Madonna, Beyoncé, Jennifer Lopez non hanno inventato nulla… non è più il momento di sculettare per fare musica. Chi fa veramente musica sta fermo davanti a un microfono e canta – ha commentato la Lear, che critica anche il rock di oggi – Oggi molti sono convinti che per fare rock basti indossare un giubbotto di pelle e jeans strappati. È tutto troppo commerciale, non sono più i tempi d’oro di Jimi Hendrix e Eric Clapton”.

Persino l’artista si è dovuta reinventare nella sua lunga carriera: “Sono stata un simbolo per i ragazzi che andavano in discoteca, la gente ha grande nostalgia per quel periodo ma per me la disco non esiste più. Oggi c’è la dance, che è tutta un’altra cosa”. Amanda Lear parla anche della sua voce: “All’inizio mi hanno criticata, ma io ho sempre utilizzato la voce più che il fisico come strumento di seduzione”. Il segreto di questo ritorno davanti al microfono? “Iniziai facendo la modella, ma a una certa età è importante che la gente si innamori della tua voce, come Marlene Dietrich che cantando era sensuale anche a ottant’anni”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog