Cerca

Sessismo a Hollywood

Tarantino: "Voglio questa prostituta". Lo scandalo che travolge il regista

Quentin Tarantino

“AAA cercasi prostitute per un film di Quentin Tarantino”. L'annuncio non ha fatto nemmeno in tempo ad apparire sulla pagina Facebook, e già l’agenzia di Los Angeles che lo ha pubblicato ha dovuto rimuoverlo immediatamente. La causa? La marea di proteste con cui è stata sommerso. L’offerta di lavoro ha fatto insorgere in massa i movimenti femministi, che da tempo denunciano le descrizioni sessiste dei personaggi femminili negli annunci di casting, provocando una levata di scudi unanime contro quello che è stato definito il "tipico sessismo" delle produzioni hollywoodiane.

L’annuncio “Whores for Quentin Tarantino project”, che cercava comparse per un film western di cui il regista sarebbe il produttore e a dirigerlo ci sarebbe una donna, è finito nell’occhio del ciclone per le richieste esplicite sulle caratteristiche fisiche che le aspiranti “prostitute” dovevano possedere. Non si cercavano prostitute generiche ma "di origine caucasica, tra i 18 e i 35 anni, con seno, ciglia e colore dei capelli naturali, fedeli al periodo storico". Seguivano richiesta di taglia specifica, con richiesta di foto e misure allegate da mandare via una e-mail con oggetto “Whores” (prostitute). La parola prostituta sarebbe stata riportata direttamente dalla sceneggiatura, ma per il blog Women and Hollywood, il primo a reagire con forti proteste, “porta con sé un bagaglio immenso ed è la sintesi del tipico sessismo ipocrita di Hollywood”. L’agenzia, che pare avesse avuto già problemi analoghi, viste le reazioni di protesta, ha subito rimosso il post.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog