Cerca

Il caso

Vietato trasmettere il suo film-delirio: la città che dice "no" alla Guzzanti

Sabina Guzzanti

Sabina Guzzanti torna a La7, ma a Olbia è "vietata". Ieri sera, infatti, nell'ambito della rassegna Sul filo del discorso della città sarda era prevista la proiezione del suo film La Trattativa, il teorema di Sabina sui rapporti tra Berlusconi e Cosa Nostra. Ma la nuova giunta di centrodestra ha deciso che quel film-delirio non poteva essere trasmesso: appuntamento cancellato. A spiegare le motivazioni della decisione è stato un comunicato stampa congiunto del sindaco ed ex parlamentare di Forza Italia, Settimo Nizzo, e dell'assessore alla Cultura, Sabrina Serra. La proiezione del film, hanno spiegato, avrebbe costituito "un'offesa a milioni di elettori in tutta Italia che hanno nel tempo dato fiducia al partito e al suo presidente e verso le migliaia di elettori che pochi giorni fa hanno affidato a Forza Italia l'onere e la responsabilità di governare la nostra città". La giunta, infatti, è stata eletta nell'ultima tornata amministrativa, mentre il programma del festival era stato steso dalla precedente amministrazione di centrosinistra.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fiorgio

    29 Agosto 2016 - 21:09

    Cara Guzzanti ora anche tu fai parte delle gnocche senza testa come la boldrini.

    Report

    Rispondi

  • fiorgio

    29 Agosto 2016 - 21:09

    Cara Guzzanti ora anche tu fai parte delle gnocche senza testa come la boldrini.

    Report

    Rispondi

  • Marilina

    14 Luglio 2016 - 21:09

    è stato il sindaco (Settimo Nizzi, non Nizzo) a dirle di no e non la città: i cittadini sono rimasti con lei per ore a protestare in piazza,sotto il comune e ai piedi del monumento dedicato a Emanuela Loi. Un episodio vergognoso e antidemocratico oltre che un attacco alla libertà di pensiero e di parola!

    Report

    Rispondi

  • ernesto1943

    14 Luglio 2016 - 13:01

    la pazienza avrà pure un limite .sarebbe ora di buttare la monnezza.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog