Cerca

Programmazione

Torna "Mi manda Raitre": dal 6 settembre condotto da Salvo Sottile

Torna "Mi manda Raitre": dal 6 settembre condotto da Salvo Sottile

Martedì 6 settembre, a partire dalle 22.45, torna sul terzo canale della tv pubblica “Mi manda RaiTre”, uno dei programmi storici della rete, diventato un cult assieme a “Chi l’ha visto”. Ma a differenza della trasmissione condotta da Federica Sciarelli il contenitore condotto da Salvo Sottile, a cui è stato affidato il timone del prodotto, racconta il Paese che soffre e subisce, che patisce e s’arrabbia. Insomma, l’esatto contrario di quello che va tratteggiando con il proprio storytelling il presidente del Consiglio Matteo Renzi, sempre attento ad esaltare il positivo e mai il negativo. E allora viene il dubbio che anche Daria Bignardi, direttore della terza rete delle Rai, si sia iscritta al club dei cosiddetti gufi. “E’ un problema che il programma non si pone”, sostiene l’ex conduttrice de Le Invasioni Barbariche su La7, “il nostro obiettivo è quello di stare a stretto contatto con la realtà”.

E la realtà è fatta di storie dure, di sofferenze, di anziani truffati e cittadini scippati dei loro diritti. “Lo slogan del programma è “In difesa degli indifesi”, gli fa eco il conduttore Salvo Sottile, pronto al debutto, “e siamo un vero programma di servizio pubblico che vuole dare voce a tutti i cittadini raccontando anche quello che non funziona”. “Cercheremo di portare in seconda serata una trasmissione moderna che usa i mezzi e le tecnologie dell’oggi, dal cellulare a whatsapp, canale aperto nei giorni scorsi e sul quale abbiamo già ricevuto tantissimo materiale”, spiega il giornalista. Al fianco di Sottile, che guiderà anche la striscia quotidiana del programma in onda dal lunedì al venerdì (dal 12 settembre al 30 giugno prossimi) dalle 10 alle 11, ci saranno esperti in campo legale, tecnologico, scientifico e medico, tra i quali il fisico nucleare del Cnr, Valerio Rossi Albertini, che condurrà gli esperimenti nel laboratorio allestito in studio, e l’oncologa dell'Università La Sapienza di Roma, Debora Rasio. La gente potrà contattare il programma non solo al numero verde 800550625, ma anche all’E-mail mimandaraitre@rai.it, oltre che su Facebook e Twitter.

Tra le novità un numero Whatsapp (3453131994) per permettere agli spettatori di interagire. “Non vogliamo fare i giustizialisti o gli sceriffi”, ha sottolineato Sottile, “vogliamo dare la possibilità ai cittadini di dire la propria”. Gli argomenti? Burocrazia, previdenza, fisco, utenze, ma anche risparmio e consumi. Ogni spunto utile a raccontare l’Italia dei furbetti e delle truffe. “Con il compito”, ha spiegato la direttrice di RaiTre, Daria Bignardi, “anche di fornire delle soluzioni". Dal punto di vista editoriale l’ex barbarica si è posta l’obiettivo di ringiovanire il pubblico di Rai Tre, tentando nuove strade. “La mia idea è quella di portare Rai Tre nell’oggi, sperimentando e mettendo in campo nuove idee”. Beh, almeno su questo versante la Bignardi è rimasta in sintonia con Palazzo Chigi e lo storytelling dell’innovazione e della velocità. Il problema è come riuscirà a riportare i giovani davanti al piccolo schermo.. . Chissà se il martedì sera spezzato in due, prima il faccia a faccia di Politics con Gianluca Semprini e poi Mi Manda Rai Tre, sarà una proposta vincente . Chissà…

di Enrico Paoli

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • farfallabianca

    05 Settembre 2016 - 10:10

    Sicuramente sarà un altro flop come è già succecco in passato.

    Report

    Rispondi

blog