Cerca

Bomba sul reality

Grande Fratello Vip, Clemente Russo fuori per gli insulti alla Ventura

Grande Fratello Vip, il grande imbarazzo di Ilary Blasi in diretta

"Una puntata complicata". Ilary Blasi è evidentemente imbarazzata presentando la terza serata del Grande Fratello Vip. Alfonso Signorini conferma: "È stata una settimana molto impegnativa". Lo scandalo delle corna di Stefano Bettarini e Clemente Russo pesa e porta subito a conseguenze clamorose: "Il televoto è stato annullato - annuncia la Blasi -, i telespettatori verranno rimborsati". La causa? "Il comportamento riprovevole di un concorrente".

Bettarini sotto accusa - "Comunicheremo al diretto interessato le conseguenze della sua condotta", avvisa la conduttrice che poi chiama proprio Bettarini nella stanza delle scelte. Lui sgrana gli occhi, forse intuendo di cosa si sta parlando. La Blasi nel frattempo legge un durissimo comunicato di Mediaset e produzione: "Ci dissociamo dalle dichiarazioni rese che non rappresentano in alcun modo lo spirito del programma e chiediamo scusa alle persone coinvolte". Quando si torna in collegamento con la casa, mostrano a Bettarini le sue confessioni sulla sua ex Simona Ventura. Sono le frasi più soft, quelle sul loro rapporto difficile dopo il divorzio. Quando si passa (anche qui con ampia censura) alle considerazioni più piccanti sulla lista di amanti, la Blasi lo mette spalle al muro: "È stato vergognoso", e Bettarini si scusa con le donne (da Antonella Mosetti ad Alessia Mancini) di cui ha fatto i nomi.

Russo fuori - Poi è la volta del vero concorrente sotto accusa, Clemente Russo. A "condannarlo" le espressioni sulla Ventura, "zoccola" e "da ammazzare" nel caso fosse stata sorpresa nel letto a tradire il marito (ex) Bettarini. Gli fanno vedere i titoli di giornale (compresi quelli in cui la Ventura annuncia querele) e lui sbotta: "No, lascio la casa e mi difendo fuori". Non ce n'è bisogno, perché è la produzione a sospendere l'olimpionico della boxe, che per inciso è anche poliziotto. Fine dei giochi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • scorpio53

    04 Ottobre 2016 - 07:07

    i poliziotti delle fiamme oro, hanno solo lo status e percepiscono lo stipendio dal ministero dell'interno; non hanno la professionalità, il carattere, la morale e tantomeno la coscienza per essere un agente di polizia. Succede che uno raggiunge certi obiettivi nello sport, e viene arruolato presso il centro sportivo drlla polizia pur non facendo un solo giorno di servizio. per onor del vero!!!

    Report

    Rispondi

  • metamenti

    03 Ottobre 2016 - 23:11

    Clemente Russo è un campione che rappresenta l'Italia in tutto il mondo. La sua attività meritoria nel sociale è di grande spessore e senza rispetto per l'uomo è stato messo alla gogna per il capriccio di qualcuno. Una frase, pur deprecabile, sufficiente per oltraggiare un uomo, che, con cattiveria e spirito di vendetta, è stato preso come simbolo ed emblema delle peggiori azioni criminali.

    Report

    Rispondi

blog