Cerca

Carta bianca su Rai3

"E ora la linea al Tg3": il triste ritorno di Bianca Berlinguer in tv

"E ora la linea al Tg3": il triste ritorno di Bianca Berlinguer in tv

Camicetta nera e gonna rossa. Un modo cromatico per dire o di qua o di là. Perché Bianca Berlinguer, neo conduttrice della striscia quotidiana CartaBianca in onda su Rai Tre dalle 18.25 sino al Tg3 delle 19 dal lunedì al venerdì , avrà pure smesso i panni del serioso direttore del telegiornale, subissato di telefonate e bersaglio di mille pressioni politiche, per indossare quelli sorridenti del titolare di programma, ma le idee restano chiare. "Come si sta a non essere direttore?", chiede ironicamente la Berlinguer a Ezio Mauro, ospite della prima puntata assieme a Renzo Arbore, "certo, potresti chiederlo tu a me...". Una battuta che vale più di mille editoriali.

Tema della chiacchierata in studio, scenografia circolare con tre sgabelli simile agli allestimenti preferiti da Michele Santoro, il premier e il referendum. «Renzi si gioca tutto», dice l’ex direttore del quotidiano La Repubblica, "ha già fatto capire che resta in campo comunque vadano le cose. La partita nel Pd è appena cominciata, ma non è detto che ci sia scissione. Alla Leopolda", spiega ancora Mauro, "Renzi avrebbe dovuto alzare una mano e fermare quelli che gridavano 'fuori, fuori'".

Alla kermesse fiorentina la Berlinguer aveva mandato l’inviato speciale Gabriele Corsi del Trio Medusa che colpisce ma non ferisce. In fondo è solo l’inizio. Ci sarà tempo per affondare il colpo. Nel frattempo Bianca detta la linea sulla carta bianca. "Ma è vero, come ha detto senza giri di parole Oscar Farinetti, che Renzi e i suoi ormai sono diventati antipatici?" chiede la conduttrice ad Arbore. "Il potere non rende simpatico il personaggio che ce l’ha", spiega l’artista, "i perdenti sono più simpatici dei vincitori". "E ora la linea al Tg3 - dice Bianca, vi sembrerà strano che a dirlo sia io ma mi ci abituerò". Intanto buona la prima...

di Enrico Paoli

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog