Cerca

La bionda della Rai

Stalking, la Leofreddi racconta il suo incubo

L'incontro in aula per il processo. La conduttrice tv racconta: "Vivo ancora in un incubo. Mi ha costretto a cambiare casa per tre volte"

Monica Leofreddi

Monica Leofreddi

Dopo la denuncia, si è svolto il processo a carico di Goffredo Imperiali, accusato di stalking ai danni della conduttrice Rai Monica Leofreddi. Pochi minuti nei quali l'uomo, originario di Francavilla e residente a Terracina con la moglie, ha esposto la sua difesa. Pochi minuti nei quali la Leofreddi, incontrando nuovamente l'uomo in aula, ha rivissuto la paura degli ultimi mesi. Sonia Battagliese, avvocato della conduttrice, ha spiegato: "Le donne non dovrebbero avere paura di denunciare, sono stati fatti grandi passi avanti per aiutare le vittime di violenza fisica e psicologica". 

La denuncia - Tutto è iniziato con lettere e pedinamenti. "A causa sua ho cambiato casa tre volte", afferma la Leofreddi. L'uomo è poi arrivato a chiedere ed ottenere i suoi dati bancari, a introdursi in casa dei genitori della ragazza spacciandosi per il commercialista, a scrivere al tribunale fingendosi il padre di suo figlio. Ossessionatao dalla Leofredi, ha spedito alla Rai lettere di diffida ordinando di farla lavorare di più. "Alla fine non ti senti più sicura nemmeno ad andare a prendere tuo figlio a scuola - racconta la conduttrice - la paura ti paralizza, ti condiziona la vita. Oggi ho un briciolo in più di fiducia, ma se penso che per la mia prima querela era stata proposta una richiesta di archiviazione...". La prossima udienza ci sarà il 17 gennaio, data in cui la Leofreddi sarà ascoltata dal pm insieme alla madre. 

La difesa - L'uomo, nell'ultimo periodo, ha spedito lettere ai carabinieri della zona in cui abita la Leofreddi, prendendosi la responsabilità delle proprie azioni, che, secondo lui, puntano solo a proteggerla dalla gelosia della moglie. La bionda di Unomattina cosiglia alle donne di denunciare, anche se, dice, "è necessario creare anche strumenti di tutela più efficaci per dare alle donne la forza di affrontare questo incubo". Comunque, "meglio sbagliare prendendo un provvedimento se ci si sente minacciate, che rischiare una vita".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • laretta22

    28 Giugno 2013 - 06:06

    Spesso la violenza sulle donne inizia proprio dalle chiamate anonime, e si arriva all'abuso vero e proprio. Oggi la tecnologia ci offre un servizio totalmente GRATUITO che è whooming. Noi donne siamo le vittime più mirate...proprio per questo non facciamoci trovare impreparate...PREVENIAMO!! A quanti di voi è successo di ricevere chiamate anonime assillanti? Credo un pò a tutti...e purtroppo avete dovuto subire senza poter fare niente poichè il servizio dei gestori telefonici che permettono d'identificarne il nome (override) si fanno pagare non poco. Da oggi non sarà più così!! Potrete conoscere IMMEDIATAMENTE ed in modo totalmente GRATUITO il numero della persona che vi chiama con l'anonimo, tutto questo grazie a WHOOMING. Basta una semplice registrazione qui : www.whooming.com e lo avrete automaticamente attivo sul vostro numero,fisso o mobile che sia; dopo di che quando riceverete una chiamata anonima, non dovrete fare altro che premere il tasto rosso per rifiutare la chiamata e vi

    Report

    Rispondi

  • Satanasso

    27 Giugno 2013 - 10:10

    Ha sbagliato la Leofreddi a rivolgersi alle "forze dell'ordine" e allo stato italiano per chiedere giustizia...doveva rivolgersi ad un serial killer o pagare qualcuno che gli desse una "sacagnata di mazzate" e stop ! l'Italia è una giungla e se non ti difendi da solo finisci per crepare cone le cronache quotidiane ci insegnano...

    Report

    Rispondi

blog