Cerca

Da Sanremo a Stoccolma

Nobel Letteratura 2013, Roberto Vecchioni tra i candidati a sorpresa

Il comitato per il prestigioso premio apre ai cantautori: con Bob Dylan e Leonard Cohen ci sarebbe anche il professore-cantautore

Nobel Letteratura 2013, Roberto Vecchioni tra i candidati a sorpresa

Ha battuto (presumibilmente) la concorrenza interna di Francesco Guccini e Francesco De Gregori, dovrà reggere il confronto con mostri sacri come Bob Dylan e Leonard Cohen. Ma a prendere un volo per Stoccolma a metà ottobre per ritirare il premio Nobel potrebbe essere Roberto Vecchioni. Sarà lui, e non altri, a rappresentare la scuola musicale del Belpaese.

Apertura ai cantautori - Il comitato per il Nobel ha deciso, da quest'anno, di includere nel novero dei pretendenti al premio Nobel per la Letteratura  anche i cantautori. Quindi, al fianco dei finalisti provenienti dal mondo della poesia e della narrativa (stando alle indiscrezioni il romanziere giapponese Murakami, la statunitense Joyce Carol Oates e l'ungherese Peter Nadas i favoriti) si trovano anche i parolieri con fisarmonica e chitarra. Bob Dylan, si diceva, che è il padre spirituale di tutti gli chansonnier al mondo, e il canadese Leonard Cohen, che prima di cantarle al microfono, le poesie le pubblicava su carta.

Il prof - E Vecchioni? Non si conoscono i parametri in base ai quali è stato selezionato. Il comitato per il Nobel potrebbe essere stato colpito dal testo di Samarcanda, o meglio ancora da quello di Sugli Sugli Bane Bane, canzone nonsense che il prof scrisse per la girlband le Figlie del Vento (Sanremo 1973: "Sugli sugli bane bane / tu miscugli le banane,/le miscugli in salsa verde/chi le mangia nulla perde").

Fatto sta che il 10 ottobre, quando sarà ufficializzato il nome del vincitore, potrebbe essere lui a volare a Stoccolma a ricevere l'onorificenza. Scoprendo, per di più, che è più semplice conquistare il Nobel che Saneremo: al festival della canzone italiana ha dovuto partecipare due volte prima di trionfare (2011, Chiamami ancora amore), ora potrebbe essere buona la prima. Vecchioni meglio di Dylan e con Ungaretti e Pirandello: ve lo immaginate?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • melamatura

    29 Ottobre 2013 - 15:03

    Se pensate che è stato dato a Fo, potrebbero pure sbagliare ancora.

    Report

    Rispondi

  • accanove

    07 Ottobre 2013 - 18:06

    mettere a confronto Vecchioni con L.Cohen o B.Dylan è come affiancare Orietta Berti ai Deep Purple, avrà dato il di dietro a qualcuno per entrare in quella lista.

    Report

    Rispondi

  • aifide

    23 Settembre 2013 - 09:09

    Non so quale oscura forza di sinistra manovri il comitato del premio che una volta era sinonimo di grandi figure e, dopo la vittoria di Benigni e Fo, è diventato la succursale della sinistra mondiale, ma arrivare solo a nominare i cantautori tra i nobel per la letteratura mi sembra veramente una pazzia. E pensare che uomini come Eduardo De Filippo e Giovanni Guareschi non sono mai stati nemmeno presi in considerazione! VERGOGNA!

    Report

    Rispondi

  • sben72

    22 Settembre 2013 - 17:05

    In linea con l'infamia che caratterizza il vostro giornaletto , siete capaci di riportare , fra le centinaia di capolavori di Vecchioni , la sola "Sugli Sugli Bane Bane". Beh certo il cantautore di sinistra deve essere subito sputtanato e messo alla gogna. Ma l'imperdibile citazione su Ungaretti e Pirandello , voi che servite l'Evasore e godete alle esternazioni di Brunetta , riempie di ilarità la giornata.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog