Cerca

Greggio: "Il mio fascista

è da Nastro d'Argento"

Greggio: "Il mio fascista

Da comico inarrestabile ad attore conclamato, tanto bravo da sfidare il cinema d’autore con un ruolo drammatico che gli ha conferito un inedito spessore. Ezio Greggio è stato candidato nella cinquina dei “Nastri d' Argento”, come “Attore non Protagonista” per aver interpretato l'ispettore  fascista Sergio Ghia ne “Il papà di Giovanna”, candidato anche  come “Miglior Film”. In concorso a Venezia nella scorsa edizione, è una riflessione sulla famiglia. Ma anche un viaggio “all'inferno” che parte dal '38 e termina nel '45 dopo la fine di una guerra pronta a generare solo violenza. L'ambientazione sembra reale:gli spari che rimbombano, la gente pronta a rinnegare valori ed affetti pur di salvarsi la vita. Ma  Ghia non ce la fa a fuggire. Viene catturato e fucilato. E' indimenticabile il suo sguardo disperato. Un  Nastro lo meriterebbe. Non ha portato nulla del mondo televisivo a cui appartiene. L'annuncio dei vincitori sarà dato il  26 giugno al Teatro Antico di Taormina durante un serata  ripresa da Raiuno...

Annamaria Piacentini su Libero di venerdì

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • jack1980

    11 Giugno 2009 - 20:08

    Ho molti dubbi al riguardo. Non l'ho visto recitare in questo film, ma, da quello che ho visto finora, direi che Greggio dovrebbe continuare con striscia e lasciar perdere i film. Le sue capacità recitative nei film che ho visto erano penose!

    Report

    Rispondi

blog