Cerca

Effetto Svezia, effetto Fabio

Italia fuori dai Mondiali, Fazio peggio di Ventura: Che fuori tempo che fa, il disastro dello share

5
Italia fuori dai Mondiali, Fazio peggio di Ventura: Che fuori tempo che fa, il disastro dello share

Ventura fa fuori l'Italia dal Mondiale e Fabio Fazio fa fuori la Rai. È catastrofico il risultato dello share di Che fuori tempo che fa: doveva godere del traino di Italia-Svezia, lo spareggio mondiale che ha decretato la clamorosa eliminazione della nostra Nazionale. La partita ha incassato 14 milioni di spettatori (share del 48%), il post-partita ha tenuto su Raiuno 8,3 milioni (32,38%) e poi è arrivato Fabietto.

La presentazione di Che fuori tempo che fa, mesta puntata dedicata tutta al tracollo azzurro in un clima di ironia raggelante, è partita con 3,8 milioni di telespettatori (share del 16,39%): di fatto cioè il pubblico si è dimezzato in poco meno di un quarto d'ora. È finita ancora peggio, con 1,8 milioni di telespettatori dopo la pubblicità e share dell'11,24 per cento. Per intendersi, il 30 ottobre senza il mega-evento a precederlo Fazio aveva radunato 1,1 milioni e share del 9,6 per cento. 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • scorpione2

    14 Novembre 2017 - 19:07

    fabio fazio, l'incubo di feltri.

    Report

    Rispondi

  • Anniramone

    14 Novembre 2017 - 17:05

    Quello che mi fa veramente incazzare è che prende un sacco di soldi, a questo punto devo dire soldi rubati a noi poveri disgraziati dalle nostre bollette. Io ho Sky e non pago poco e ne sono consapevole, ma ho la possibilità di vedere 200/300 ... piú canali, insomma, posso scegliere, con la Rai non posso scegliere un bel niente, al solo nome di Fazio o Domenica in, mi sento derubato!

    Report

    Rispondi

    • scorpione2

      14 Novembre 2017 - 19:07

      veendi il televisore

      Report

      Rispondi

  • lelemasi

    14 Novembre 2017 - 15:03

    Un sucessone!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media