Cerca

Sinistro in tv

Immigrazione, Santoro attacca Grillo

Servizio pubblico bastona il leader 5 stelle, che aveva disconosciuto il ddl di alcuni suoi senatori per l'abolizione del reato di clandestinità

Immigrazione, Santoro attacca Grillo

Abituati all'orientamento pro-grillino di Servizio Pubblico, l'editoriale di Michele Santoro del 10 ottobre lascia spiazzati. Perchè il bersaglio degli strali diel teletribuno di La7 è proprio Beppe Grillo. O meglio, Beppe Grillo Casaleggio, come lo chiama lui: "Un highlander, una specie di super-eroe a due teste". La colpa di Grillo (e Casaleggio) secondo Santoro? Aver disconosciuto ("questa non è la linea nè il programma del Movimento") il disegno di legge con cui alcuni senatori a 5 Stelle, questa mattina, hanno chiesto la cancellazione del reato di clandestinità. Cioè aver presentato una legge che va nella direzione delle proposte avanzate dal Partito democratico in questi giorni di post-tragedia di Lampedusa.

E così, il Michele nazionale torna a essere simile a quello che eravamo abituati a sentire e a vedere nelle sue trasmissioni di epoca pre-gillina. Non proprio il 'Santoro rosso pomodoro' (come lo soprannominavano i suoi detrattori), ma comunque un Santoro un po' più a sinistra e meno anti-politica di quello ultima serie. Che tratta  il leader 5 Stelle da piccolo dittatore che non ammette il dibattito nel suo stesso partito e che non riconosce il principio costituzionale in base al quale i parlamentari non hanno un vincolo di mandato, ma sono, docet Santoro, "rappresentanti della Nazione". E così il conduttore parte all'attacco: "Hai detto ai tuoi - dice a Grillo - che se in campagna elettorale aveste premuto il tasto del via libera all'immigrazione, alle urne avreste ottenuto percentuali da zero virgola. Auguri per le prossime, allora, di elezioni - ironizza - magari con la pena di morte".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • spalella

    11 Ottobre 2013 - 14:02

    i voti dei 5 stelle non sono solo voti Pd, ma i ragazzotti in parlamento si comportano con la classica prepotenza comunista e cattolica : cioè si arrogano LA SUPERIORITA' INTELLETTUALE e pretendono di EDUCARE i cittadini, dei quali però MENDICANO i voti alle elezioni. MA I VOTI LI HA OTTENUTI GRILLO, non questi poveracci che sono usciti dal nulla, e molti dei quali dimostrano purtroppo di essere UN NULLA CULTURALE/SOCIALE E UN NJULLA NEL DIRITTO DEI POPOLI. Dove è finita la ''Democrazia dal Basso'', la scelta data ai cittadini sui grandi temi della società ? Forse la si limita solo alla Tav ? e allora PULIZIA, e poi ricominciamo con pazienza con gente meno IGNORANTE.

    Report

    Rispondi

  • ABU NAWAS

    11 Ottobre 2013 - 12:12

    SEMBREREBBE CHE LUI VIVA SOLO PER ODIARE E COMBATTERE BERLUSCONI! E' UN SOSPETTO, MA - COME RICORDAVA IL DIVINO ANDREOTTI - A PENSARE MALE SI FARA' FOSE PECCATO, MA CI SI AZZECCA SEMPRE!!! E QUANDO - SENZA PREMURA - BERLUSCONI PASSASSE A MIGLIOR VITA - CHE FARA' SANTORO?? SI SUICIDERA' PER RAGGIUNGERLO IN PARADISO???? MA VERREBBE RESPINTO.... PER TUTTO L'ODIO CHE HA NELL'ANIMO!!!!!

    Report

    Rispondi

  • tizi04

    11 Ottobre 2013 - 11:11

    con chi stara`? con il governo e i M5S o sara` coerente con le idee del PDL ? ma se vota contro il governo, come fara` a trovare le motivazioni per noi del cdx ? Comunque quando glielo chiedete, mandatelo anche a fanculo per me ! grazie

    Report

    Rispondi

  • paolo956

    11 Ottobre 2013 - 10:10

    a parte i personaggi..Grillo e socio sono sempre piu inqualificabili ed ogni giorno che passa, visto quell'atteggiamento spocchioso che hanno, mi stann0o sempre piu sui coglioni, santoro non si smentisce mai e sulle balle mi sta da sempre (facile fare il komunista con i ml di euro in saccoccia) il problema dell'immigrazione si potrebbe anche nsuperare introducendo una legge che possa prevedere (però con l'aiuto di tutta l'europa) un periodo massimo di sei mesi di permanenza ad esempio nei centri di accoglienza (trasformati per in soluzioni piu vivibili)dove le persone vengono identificate e gli si prepara una carta identificativa che potrebbe sostituire un eventuale passaporto. L'europa dovrebbe comunque intervenire a livello economico (non siamo nelle condizioni di poterli mantenere senza l'aiuto degli altri stati) ed infine definire le loro destinazioni per evitare di ritrovarceli per le strade ns a fare lavori infami

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog