Cerca

Come ringhia

Sanremo 2018, Claudio Baglioni lancia la frecciata alla D'Urso e Mediaset: "Siamo abituati a tv mediocre"

9 Febbraio 2018

2
Sanremo 2018, Claudio Baglioni lancia la frecciata alla D'Urso e Mediaset: "Siamo abituati a tv mediocre"

L'entusiasmo è alle stelle dietro le quinte del Festival di Sanremo, a cominciare dal direttore artistico Claudio Baglioni, che si gode i record dei dati di ascolto e si prende anche la libertà di lanciare frecce avvelenate contro la concorrente Mediaset. Baglioni è riuscito a raccogliere il risultato di share più alto degli anni 2000, meglio anche della coppia Carlo Conti e Maria De Filippi.

E tra gli obiettivi raggiunti da Baglioni c'è anche l'aver riconquistato un pubblico più giovane, in controtendenza rispetto agli anni precedenti: "Il mio obiettivo era quello di costruire un Festival che avesse un racconto, facciamo una televisione antica per alcuni versi, anche po' ambiziosa, siamo un po' troppo abituati al fatto che la tv deve ospitare la mediocrità. Invece, come il teatro, il cinema e tutte le forme di arte alta, deve scremare e setacciare quello che di migliore c'è". Un riferimento abbastanza esplicito allo stile di informazione e intrattenimento considerato leggero, marchio di fabbrica ad esempio di regine della tv come Barbara D'Urso e la De Filippi, talenti indiscussi anche del rispetto dei bilanci. D'altro canto però Baglioni ha avuto a disposizione un budget importante per il suo Festival, tanto da potersi permettere Fiorello, la Pausini, Morandi e tanti altri ospiti che non escono di casa per due euro. 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • emailbm

    10 Febbraio 2018 - 11:11

    Sanremo fatto e gestito da geriatrici, età media oltre 70 anni, cantanti presi dai vari ospizi, Paoli, Vanoni, tutti i Pooh e Baglioni è un giovincello al confronto

    Report

    Rispondi

  • carlozani

    10 Febbraio 2018 - 09:09

    Baglioni e soci , la Rai li paga con i nostri soldi senza guardare a spese.

    Report

    Rispondi

media