Cerca

La promessa

Stefania, la madre morì nel naufragio della Concordia, lei partecipa a Miss Italia: "Era il suo sogno"

La 18enne siciliana, figlia di Maria Grazia Trecarichi, il cui corpo è stato ritrovato dopo 15 mesi, ha raggiunto Jesolo per la finalissima. Il padre: "Abbiamo esaudito il desiderio di mia moglie"

Stefania Vincenzi

Stefania Vincenzi

Un sogno che condivideva con la madre, e che sta per realizzarsi. Stefania Vincenzi è una dei passeggeri che, nella tragica sera del 13 gennaio 2012, si salvò dal naufragio della Costa Concordia, al largo dell'isola del Giglio. Un disastro marittimo in cui persero la vita trentadue persone. E tra queste, c'era la sua mamma, Maria Grazia Trecarichi, il cui corpo è stato recuperato solo ora, dopo le manovre di raddrizzamento della nave da crociera, e dopo quindici lunghi mesi di attesa. Ed ecco che, dall'inferno di quella brutta esperienza, la 18enne Stefania, siciliana di Augusta ma residente a Siracusa, ieri, lunedì 14 ottobre, ha raggiunto Jesolo per partecipare alla finalissima del noto concorso di bellezza. 

Ai quanti potrebbero pensare che sia irriguardoso, dopo una tale perdita, essere tra le miss aspiranti allo scettro di "più bella d'Italia", Stefania non ha dubbi su cosa rispondere. Perché la partecipazione è, soprattutto, un omaggio alla madre, che tanto l'aveva spinta a prendere parte alle selezioni del concorso, la cui serata finale, dopo le tante contestazioni, sarà trasmessa in serata unica da La7. "Tornando dal comune dove era andata per farmi la carta d'identità, qualche giorno prima della partenza della Concordia - ha raccontato la giovane, come riporta Il corriere -, mia mamma ha incrociato un amico che si occupava di organizzare i cast di Miss Italia. L'incontro letteralmente la entusiasmò e mi disse che non appena avessi compiuto 18 anni mi avrebbe accompagnato lei stessa ai provini". Il padre, Elio Vincenzi, che non si è mai dimenticato della promessa fatta dalla moglie alla figlia, l'ha iscritta al concorso, con piacere: "Mia moglie era elettrizzata per questa possibilità e noi abbiamo voluto esaudire questo suo desiderio", ha dichiarato. E chissà che il sogno di Maria Grazia Trecarichi non si avveri presto...

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • white warrior

    16 Ottobre 2013 - 16:04

    ... come si dice da noi, in Sicilia? "I motti testa ccu -ttesta e i vivi fanu festa": versione un po' più cruda e diciamo, disincantata dell'italiano "Chi muore giace e chi vive si dà pace."

    Report

    Rispondi

  • agnese1944

    16 Ottobre 2013 - 16:04

    Non so in che stato d'animo questa si presenta a miss Italia,esatto la fanno vincere - farebbe meglio andare a fare la commessa. e più dignitoso, anche per la propria dignità - un grande rispetto in memoria della mamma. Auguri fanciulla.

    Report

    Rispondi

  • undone

    16 Ottobre 2013 - 12:12

    pur di avere visibilità! che schifo

    Report

    Rispondi

  • gelcat

    16 Ottobre 2013 - 11:11

    Ennesima vittima del tritacarne mediatico; grande rispetto per la memoria della mamma, ma ora finira' che la fanno vincere e poi la elevano a simbolo di rivincita e di riscatto dal dolore. Poi ci sara' il solito gonzo che paragona la vita che ha preso il verso giusto ed il raddrizzamento della Concordia. I veri riscatti della vita sono altri; per esempio farsi il mazzo a studiare per ambire ad un lavoro che ti appassiona, per non doversi alzare ogni mattina e sentirsi un fallito.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog