Cerca

Dopo l'addio

Lucio Dalla, lo sfogo del compagno: "Gli eredi mi hanno tolto tutto"

Marco Alemanno, storico compagno del cantante scomparso, si confida: "Ho scelto di rinunciare a combattere. Lucio è dentro di me, sono già ricco così"

Marco Aleamanno

Marco Aleamanno

 

Un amore vero. Un legame profondo spezzato in quella tragica mattina del 1 marzo 2012. Sulle pagine di Oggi, a raccontarsi è Marco Alemanno, l'attore che per otto anni è stato il compagno di Lucio Dalla, prima che un infarto se lo portasse via in una stanza d'albergo dell'hotel Ritz di Montreux, la cittadina svizzera dove il cantante bolognese si era esibito la sera prima di morire. 

Lo scontro - L'artista affronta la questione ereditaria e parla di una casa che, da quando è morto il compagno, non gli appartiene più: "L'enorme dolore provato dopo la sua improvvisa scomparsa purtroppo è stato gravato anche da orribili questioni umane, prima ancora che legali, a causa di incomprensioni tra me e gli eredi di Lucio, degli estranei entrati in casa di altri per decidere su tutto, dai soldi al patrimonio artistico, escludendo chi c'era prima e contava davvero qualcosa per lui. Non ho intrapreso nessuna azione legale nei confronti dei parenti di Lucio, con i quali non ho nessun rapporto", spiega Marco Alemanno. 

Il ricordo - Poi l'artista, che risiede ancora a Bologna, continua: "Ho scelto di rinunciare a combattere per difendere ciò che era mio, e che i signori eredi non riconoscevano tale. Niente mi avrebbe ridato Lucio, né i quadri, né le statue, né i soldi. Oggi non c'è dubbio che, comunque, sono molto più ricco io di loro: ho avuto e avrò sempre dentro di me Lucio, i nostri ricordi, la nostra vita. A loro resta solo il denaro. Ancora più doloroso poi è stato il 'tradimento' di storici collaboratori e amici, o presunti tali, che per convenienza hanno preferito stare dalla parte degli eredi. Una seconda, terza, quarta morte per lui".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sesenena

    04 Dicembre 2013 - 17:05

    Ma se Dalla non ha provveduto a disporre in favore del convivente, i beni vanno ai parenti.

    Report

    Rispondi

  • dx

    04 Dicembre 2013 - 16:04

    ---

    Report

    Rispondi

  • agostino.vaccara

    04 Dicembre 2013 - 14:02

    perchè Lucio Dalla non ha fatto un testamento??? la risposta è semplice: o non ne ha avuto il tempo, il che è strano visto tutti gli anni che hanno passato insieme, oppure i legami della famiglia di origine erano più forti di quelli col compagno. Ci sarebbe anche un'altra possibilità: che abbia provveduto al compagno nel corso di tanti anni vissuti insieme ma senza che nessuno lo sapesse, tranne lui.

    Report

    Rispondi

  • gabryvi

    04 Dicembre 2013 - 14:02

    Perché tutti invocano leggi che li tutelino? Se i nostri conviventi non intendono tutelarci, perché dovrebbero farlo le leggi? A parte che Dalla gli ha dato una quota in una società, probabilmente, non si riteneva obbligato a tutelarlo in altro modo. Se il rapporto tra due persone, di qualsiasi genere, non viene certificato (mi lasci i tuoi soldi se muori, mi mantieni a vita se mi pianti?), perché le leggi dovrebbero sopperire a questa mancanza o ribaltare le volontà di una persona?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog