Cerca

Film coi nostri soldi

Placido, Comencini, Olmi, Ozpetek
Pioggia di soldi sui magnati del cinema

Come ogni anno, dal ministro della Cultura milioni di euro di soldi pubblici ai soliti noti

Placido, Comencini, Olmi, Ozpetek
Pioggia di soldi sui magnati del cinema

C'è la crisi. Certo, anche al cinema. Ma in un tempo in cui la gente va meno nelle sale (Zalone a parte) perchè non ha un euro in tasca, si potrebbe rivedere il meccanismo di distribuzione di contributi a pioggia operata dal Ministero dei beni e delle attività culturali. E invece no. Perchè leggendo le difre appena rese note dalla Direzione generale per il Cinema, si viene a scoprire che anche quet'anno c'è manna per tutti: dai mostri sacri come Ermanno Olmi, che per "Cumm'è bella 'a montagna stanotte" si è beccato 800mila euro, proprio come Paolo e Vittorio Taviani per il loro "Meraviglioso Boccaccio", all'enfant prodige Matteo Garrone che per "Il racconto dei racconti" ha fatto cifra tonda: un milione. Marco Bellocchio ha ricevuto 400mila euro per "La prigione di Bobbio" e Saverio Costanzo 250mila per "Hungry Hearts".

Non poteva mancare Michele Placido che per "La scelta" ne ottiene 400mila, Francesca Archibugi 500mila per "Il nome del figlio", Cristina Comencini 400mila per "Latin lover" e Carlo Verdone 300mila per "Sotto a una buona stella". E ci si chiede se c'era proprio bisogno di dare 350mila euro ad Abel Ferrara per Pasolini che ha come attore la star hollywoodiana Willem Dafoe.

Se "Margherita" di Nanni Moretti - anche al più accanito dei suoi critici - appare appropriato come film di «interesse culturale», qualche dubbio viene per progetti come "Sapore di te" di Carlo Vanzina, "Un matrimonio da favola" di Enrico Vanzina, "Un boss in salotto" di Luca Miniero, "Indovina chi viene a Natale?" di Fausto Brizzi, "Tutta colpa di Freud" di Paolo Genovese, "Soap opera" di Alessandro Genovesi, "...E fuori nevica" di Vincenzo Salemme. Sfugge poi la ratio di alcuni contributi oversize come quello di 900mila Ferzan Ozpetek per Allacciate le cinture".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • deltabravo

    22 Dicembre 2013 - 12:12

    Aumentare le pensioni operare diminuzioni di tasse o rivedere certe oblazioni di parte questo non sa da fare e dire perché solo i sinistronsi possono e devono avere sovvenzioni statali a pioggia dove la miopia è diffusa e bisogna avere un occhio di riguardo per la cultura specialmente di sinistra e questa deve essere premiata a discapito di altre stupidaggini che sono la salute gli anziani i lavoratori la famiglia non 1 o 2 perché ci stanno già numerando per i gulac italiani avanti al popolo

    Report

    Rispondi

  • deltabravo

    22 Dicembre 2013 - 12:12

    Aumentare le pensioni operare diminuzioni di tasse o rivedere certe oblazioni di parte questo non sa da fare e dire perché solo i sinistronsi possono e devono avere sovvenzioni statali a pioggia dove la miopia è diffusa e bisogna avere un occhio di riguardo per la cultura specialmente di sinistra e questa deve essere premiata a discapito di altre stupidaggini che sono la salute gli anziani i lavoratori la famiglia non 1 o 2 perché ci stanno già numerando per i gulac italiani avanti al popolo

    Report

    Rispondi

  • deltabravo

    22 Dicembre 2013 - 12:12

    Aumentare le pensioni operare diminuzioni di tasse o rivedere certe oblazioni di parte questo non sa da fare e dire perché solo i sinistronsi possono e devono avere sovvenzioni statali a pioggia dove la miopia è diffusa e bisogna avere un occhio di riguardo per la cultura specialmente di sinistra e questa deve essere premiata a discapito di altre stupidaggini che sono la salute gli anziani i lavoratori la famiglia non 1 o 2 perché ci stanno già numerando per i gulac italiani

    Report

    Rispondi

  • agostino48

    22 Dicembre 2013 - 10:10

    Come sempre i Komunisti imbottiti di ideologia antisociale e odio di classe, trovano un motivo valido (Berlusconi) per nascondere la propria spazzatura sotto il tappeto (Siamo geneticamente superiori). Caro amico, ma ti rendi conto che quelli come te non hanno facoltà di giudizio perché siete accecati dall'odio e dall'invidia sociale. fatti un favore, taci, e prima di parlare guardati in casa propria e, se puoi, dai un bel giudizio a quei Komunisti che come si dice: la proprietà è un furto sociale, e poi parla. Quà lo puoi, a me su Repubblica e il Corriere non mi fanno nemmeno entrare. Lo sai perché.... perché contraddico sempre la loro linea editoriale.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog