Cerca

Leonardo nel branco

Le amanti, la sinistra e la destra: anche Pieraccioni si schiera

Le amanti, la sinistra e la destra: anche Pieraccioni si schiera

E così anche Pieraccioni  s’è allineato. Alla sua maniera, bonaria, pacioccona,  ma s’è unito al branco (il termine è pesante, ma quando ci  vuole, ci vuole) dei registi  di sinistra per i quali  dire peste e corna sullo schermo degli uomini del centro-destra è vezzo, è tormentone, per alcuni è pure missione.  Quello del Leonardo è solo un vezzo, ma non gliel’aveva raccomandato il medico di infilare una battuta antiberlusconiana  nel suo ultimo film Un fantastico via vai. La frase, pronunciata dalla prole di Pieraccioni: «Mamma, il babbo ha l’amante? Ma l’amante non  ce l’hanno solo quelli di destra?».  Anzi, un medico avrebbe potuto dirglielo, al Pieraccioni, che il libertinaggio non ha colore politico (gli esempi sinistrorsi sono tanti e aumentano di ora in ora).  Ma tant’è, il regista toscano ha sentito il bisogno di allinearsi. C’è di peggio, certo. Quella del «via vai» è solo una battutina. Ma son tanti, troppi, i colleghi  che non rinunciano a sparare fuori tempo e senza necessità

Paolo Virzì, ad esempio. Uno dei più bravi che abbiamo, uno che non ha bisogno delle ruffianate politiche. Però in  Caterina che va in città non manca di sottolineare che le studentesse più stronze che si  trovano in città  sono le eredi delle ricche famiglie di destra romane. E se in Ferie d’agosto contrappone due gruppi di villeggianti, quello che vota a destra è il  più meschino, odioso, prepotente. Di sinistra, certo, non si può dire Acab che fa l’elogio dei Celerini mazzolatori (e quasi li assolve da Piazza Diaz). Però il regista Sollima non si esime da mettere in campo un politico (giunta Alemanno) che conta frottole  (promette ai Celerini l’appoggio e poi se infischia). Neutro sarebbe il protagonista  di L’ultima ruota del carro  di Veronesi.  Ma schierato (a favore di Berlusconi) è il suo migliore amico (Ricky Memphis)  uno sporco  faccendiere, sempre strusciato al potere. E veniamo a Marco Bellocchio che nonostante sia  da anni in quota al Partito Radicale ritrova la grinta dei tempi contestatari mettendo in campo nella Bella addormentata una schiera di parlamentari  Pdl tutti brutti, torbidi, cogli armadi zeppi di scheletri (la peggiore delle porcate? Votano contro l’eutanasia). Poi  ci sono i missionari, i Savonarola  dell’anti Silvio. Sabina Guzzanti in Draquila  arriva a dire  che per il Cav il terremoto in Abruzzo fu una manna del cielo (e all’estero qualcuno l’ha persino presa sul serio). Nanni Moretti, grande individualista, è stato l’allineato più allineato d’Italia facendo col Caimano la campagna elettorale del 2006  per il Partito Democratico. Il campione degli allineati?  Il bergamasco di Svezia  Erik Gandini che in Videocracy (riproposto con enfasi da La7 e da Enrico Mentana) ha fatto dell’Italia berlusconiana un ritratto da basso impero. Peccato che sia un compito interamente copiato. Che non ci sia niente, neanche mezza sequenza, che non sia stata scritta o detta prima. 

di 
Giorgio Carbone

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pinturicchi

    22 Dicembre 2013 - 18:06

    Non ricordo il titolo ,ma c'era una scena micidiale . In sintesi: la polizia insegue un pedofilo armato che ha in tasca, in bella vista , il quotidiano " IL Giornale" che durante la fuga cade a terra ,ma il pedofilo lo va a recuperare incurante delle pallottole . Tutta la sequenza è imperniata su primi piani del quotidiano e le pallottole che gli fischiano intorno . A farla breve il regista voleva dire in modo molto grezzo e ottuso che i pedofili leggono " ILGIORNALE " .......questi registi di sinistra ...valli a capire .......

    Report

    Rispondi

  • Anna 17

    Anna 17

    22 Dicembre 2013 - 17:05

    Che ci volete fare essere uomini retti vuol dire perseguire libertà, giustizia e verità. Certo non è una cosa semplice, è molto faticoso, ed è molto più comodo allinearsi a gruppi che ti scelgono casa fare dire ecc. ecc. ma si perde la rettitudine, significa non credere in se stessi e si piega la schiena in cambio di trenta denari. Pensavo Pieraccioni un uomo abbastanza retto. Mi sono sbagliata, anzi si dimostra piccolo e squallido come molti altri suoi colleghi che pensano d’essere artisti, ma sono solo volgari propagandisti. Sarebbe meglio mandarli a lavorare.

    Report

    Rispondi

  • er sola

    22 Dicembre 2013 - 17:05

    Invece di tentare di scendere in politica sparando bischerate, imparasse a fare i film che l'ultimo è una vera cacata.

    Report

    Rispondi

  • Pragmatico81

    22 Dicembre 2013 - 15:03

    Per me il sign. Pieraccioni è un ipocrita ed è un essere insignificante. Quando ho sentito quella frase (fatta dire anche ad un persona innocente come una bambina)me ne sono andato dal cinema. Vorrei ricordare allo stupido Pieraccioni, che un vero uomo di destra, (non Berlusconi che è socialista) non solo non ha amanti, è anche in linea di principio contro il divorzio e l'aborto, è un uomo timorato di Dio, e il suo ideale politico è DIO, PATRIA e FAMIGLIA!!! famiglia quella vera non quella con figli ILLEGITTIMI come LUI. P.S Pieraccioni, perché guardi la pagliuzza che è nell'occhio del tuo fratello (Berlusconi) e non ti accorgi della trave che è nel tuo? Come puoi dire al tuo fratello: "Permetti che tolga la pagliuzza che è nel tuo occhio, mentre tu non vedi la trave che è nel tuo? Ipocrita, togli prima la trave dal tuo occhio e allora potrai vederci bene nel togliere la pagliuzza dall'occhio del tuo fratello".

    Report

    Rispondi

blog