Cerca

La penne sinistre

Virzì, le recensioni di Natalia Aspesi e di Concita De Gregorio

Le due firme di "Repubblica" esaltano il Capitale Umano di Virzì per attaccare gli imprenditori del Nord strozzati dalla crisi

Concita De Gregorio

Concita De Gregorio

Natalia Aspesi e Concita De Gregorio, le due firme di Repubblica non riescono a trattenersi e non si lasciano sfuggire il film Il Capitale umano di Paolo Virzì. Si attaccano alla pelliccola per sferrare un attacco senza sconti alla borghesia del Nord, agli imprenditori che dal loro punto di vista sono tutti evasori. Eccole allora che ripercorrono i luoghi comuni già ampiamente sfruttati dalla sinistra radical-chic, si scagliano contro i piccoli industriali "arricchiti", cafoni e trash. Il film di Paolo Virzì è tratto dal romanzo di Stephen Amidon, ambientato in Connecticut, ma il regista ha scelto di trasporre la storia nella provincia italiana. La Brianza, per la precisione. Quella Brianza un tempo ricca, fatta da piccoli e medi imprenditori, che davano ossigeno a questo Paese, per anni motore dell'Italia e adesso soffocati dalla crisi. 

Senza scrupopli - I personaggi del film sono senza scrupoli. C'è un immobiliarista fallito e uno speculatore finanziario pronti a tutti, capaci di dare un prezzo anche ai valori, insomma il peggio della solita solfa "rossa". "Mi pare che gli italiani abbiano pochissimo senso civico e che la nostra borghesia sia molto egoista e carente verso i bisogni degli altri", risponde Virzì in una lunga intervista alla Aspesi pubblicato ieri, lunedì 6 gennaio. Stesso tono l'articolo di Concita De Gregorio pubblicato oggi, martedì 7 gennaio. Sotto il titolo "Le vite meschine degli speculatori, quelli che vincono sui disastri italiani", l'ex direttore dell'Unità si lancia in un elogio del regista "ormai pronto per il giro del mondo". Dice che è andato in Brianza "a raccontare com'è cambiata l'Italia, ed è entrato nella terra dei ricchi. La terra dei ricchi sarebbe in Brianza. La terra di quelli che "hanno scommesso sulla rovina del nostro Paese e hanno vinto". Ma come? La De Gregorio non sa che la crisi economica ha ucciso anche quel mondo produttivo e laborioso della pronvincia lombarda? Qualcuno l'ha informata, a Roma, che "gli speculatori, i maghi della finanza, quelli che ti promettono di guadagnare il 40% suoi tuoi risparmi e che poi se li mangiano con la tua vita intera" non sono figli solo della Brianza?  

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giacomolovecch1

    13 Gennaio 2014 - 14:02

    quella che si fa scrivere i testi.

    Report

    Rispondi

  • donatello 22

    12 Gennaio 2014 - 17:05

    concordo con Anna 22 . NB:hò smesso di stare a sx da quando ci hanno rifilato la porcata dell'Euro.

    Report

    Rispondi

  • francori2012

    10 Gennaio 2014 - 19:07

    Concetta,ti vergogni del nome che ti ha dato mamma?Tu e la Aspesi,succhiatevi i gomiti,così forse varrete come l'ultimo dei Brianzoli.Francori2012

    Report

    Rispondi

  • balabiot

    08 Gennaio 2014 - 23:11

    la Concetta!!!quella che il figlio di 10 anni legge Brecht,quella intelligente ,buona ,bella e che odia l'imprenditore specie se del "nodde",sputa sul nord ,cara, ma intanto i soldini del "nodde" ti piacciono,ah?!ammiro il tuo buonismo verso tutto il mondo tranne per chi ti è contro,che guardi dall'alto con la smorfietta schifata.Brava,comunistella con il vestitino firmato sputa sentenze farcite di ideologia alla moda.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog