Cerca

Botteghino poco radical chic

Cinema, "Il capitale umano" di Virzì battuto da "Un boss in salotto"

Il ritratto a tinte fosche della Brianza si ferma a 1,6 milioni di euro nel weekend, stracciato dalla commedia con Papaleo

Cinema, "Il capitale umano" di Virzì battuto da "Un boss in salotto"

Tanto rumore, per vedersi stracciato da un boss pantolofaro stravaccato su un divano. Nel primo week end sullo schermo del "Capitale umano" di Paolo Virzì, è la commedia "Un boss in salotto" del semisconosciuto Luca Miniero a fare la parte del leone nelle sale italiane con un incasso di 2,11 milioni di euro. Mentre l'affresco a tinte fosche della Brianza malata di soldi e di speculazione (finanziato con 700mila euro pubblici)  si ferma a 1,64 milioni di euro, nonostante la grancassa ricevuta da tutti i giornali di sinistra nei giorni precedenti il debutto e le polemiche roventi sollevate dai giornali di destra come Libero, Il Giornale, Il Foglio. Che pure loro pubblicità fanno. In pratica, l'ultima opera del regista toscano con la sua sfilata di star radical chic (dalla Bruni Tedeschi a Bentivoglio a Gifuni) ha incassato tanto quanto il suo precedente lavoro, "Tutti i santi giorni" in cui il nome di maggior grido nei titoli di coda era quello di Micaela Ramazzotti. Evidentemente, il pubblico ha premiato oltre che una storia più leggera anche la trascinante simpatia di Rocco Papaleo, bravo e sicuramente meno snob degli attori impegnati a demolire la Brianza insieme al regista che divenne famoso con "Ovosodo". Non bastasse la sconfitta subita dal boss pantofolaro, scorrendo il resoconto del botteghino si scopre che Virzì e company hanno incassato poco di più della maialina Peppa Pig, cartone di culto per under 8, che si è fermato a 1,37 milioni di euro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • doris

    14 Gennaio 2014 - 13:01

    Credo che il sig virzi sia a corto di idee,fare di una zona geografica il simbolo del malcostume e' un vizio dei sinistri abituati a sputtanare l'Italia in europa e nel mondo.Non siamo tutti mafiosi e camorristi....come non siamo tutti "cummenda",siamo persone spessissimo per bene,lavoratori onesti,alla faccia di "Gomorra"e "Capitale umano"

    Report

    Rispondi

  • Montagner

    14 Gennaio 2014 - 13:01

    Caro sig. Paolo Virzì: 1) Visto il suo (nostro nel senso che lo abbiamo finanziato noi)film. 2) Sicuro di conoscere la Brianza? 3) Sicuro di conoscere i brianzoli? 4) Sicuro di conoscerne la cultura? 5) La rappresentazione dell’industriale tipico è quantomeno superficiale e puerile. In compenso questa gente è quella che, pagando le tasse e facendo girare il PIL, le permette di fare questi film finanziati dallo stato. Il bello, il senso estetico, l’intellighentia che lei propugna NON danno da mangiare; a mala pena permettono di farsi qualche sega mentale. Un ultima annotazione: auguratevi che questi “buzzurri ignoranti” si riprendano e continuino a produrre se no . . . . . .

    Report

    Rispondi

  • gitex

    14 Gennaio 2014 - 11:11

    smettere di finanziare film....non capisco perché con le mie tasse devo pagare il virzì di turno. Questi registi devono arrangiassi da soli, se non sono capaci di fare un buon film, tornino alla agricoltura.

    Report

    Rispondi

  • gitex

    14 Gennaio 2014 - 11:11

    smettere di finanziare film....non capisco perché con le mie tasse devo pagare il virzì di turno. Questi registi devono arrangiassi da soli, se non sono capaci di fare un buon film, tornino alla agricoltura.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog