Cerca

Effetto-Boldrini

Barbara D'Urso contestata dal Moige: "Basta porno la domenica pomeriggio"

Il Movimento Genitori contro la conduttrice e Domenica Live: "Conenuti adatti alla seconda serata. Gli inserzionisti boicottino il format"

Barbara D'Urso

Barbara D'Urso

Crociata del Moige, Movimento Italiano Genitori, contro Barbara D'Urso e la sua Domenica Live, la trasmissione della domenica pomeriggio. Nuove polemiche dopo la puntata del 19 gennaio su Canale5, indignata la reazione dei genitori, che contestano il titolo del format: "Italia, paese a luci rosse?". Elisabetta Scala, responsabile dell'Osservatorio Media di Moige, dichiara: "Ieri abbiamo assistito a una delle pagine più tristi e trash della nostra tv con servizi, interviste e linguaggio adatti a una seconda serata. Ci appelliamo alla responsabilità sociale delle aziende perché non continuino a inserire spot in questo programma trash che viola la sensibilità e la dignità dei nostri figli".

Nel mirino - Nell'Italia ai tempi di Laura Boldrini, dunque, la crociata anti-gnocca si arricchisce del capitolo della contestazione alla D'Urso, accompagnata a una sostanziale richiesta di boicottaggio pubblicitario. La Scala aggiunge: "Tutto è iniziato alle 14.15 con il servizio sul fonico dei Modà indagato per molestie sessuali ai danni di minori, cui è seguita una Barbara D'Urso dichiaratasi 'impressionata' dalle cose apprese sul tema del sesso nel preparare la puntata". Quindi dito puntato contro i servizi sulle molestie dei caporali nei confronti delle soldatesse nella caserma di Ascoli, contro il professore di Saluzzo che faceva sesso con le studentesse, contro la clinica dei malati d'amore e contro la testimonianza dell'uomo sesso-dipendente. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • veneziano49

    23 Gennaio 2014 - 21:09

    quelli del Moige stanno sul fico,scendete !!! che i vs figli già si vedon o i porno in rete...sveglia voi siete gli ultimi dei moigiani !!!

    Report

    Rispondi

  • gigat

    23 Gennaio 2014 - 18:06

    Questa "donna" sta' buttando Napoli nella merda con il suo modo di condurre la trasmissione.Non dire che sei di Napoli e' l'unica cosa giusta!!

    Report

    Rispondi

  • gattomatto

    21 Gennaio 2014 - 17:05

    Tanti programmi hanno uno share elevato solo perchè davanti allo schermo tv ci sono centinaia di migliaia di vecchi rincoglioniti che, poveretti, non sanno quello che stanno vedendo; il canale lo ha scelto la badante o perchè un parente ha spiegato loro di spingere il 5 che è un numero facile facile.

    Report

    Rispondi

  • cecco61

    21 Gennaio 2014 - 12:12

    Chissà perché è sempre colpa di Berlusconi. Forse, se aveste maggior memoria, ricordereste che fu la Rai a trasmettere le evoluzioni pornografiche di Cicciolina e che il tanto vituperato Drive-in non solo non conteneva nudità ma, in fatto di satira, è da considerarsi un programma per educande se paragonato alle performace attuali della Littizzetto, tanto cara a Voi Sinistri, ancorché sempre e solo volgare. La realtà è che troppi genitori incapaci si camuffano da moralisti, accusando gli altri per nascondere le loro inadempienze: Internet, videogames e anche solo un semplice notiziario radio contengono notizie e dettagli di stupri, omicidi e violenze varie che, per un bambino, possono essere fuorvianti e necessiterebbero della presenza di un adulto. Seguite e controllate maggiormente i Vostri figli e non rompete i cosiddetti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog