Cerca

Scacchiere tv

Rai, i renziani preparano il blitz in Viale Mazzini: la Berlinguer trema

Dopo il "patto del Nazareno", rivoluzione in vista anche a Viale Mazzini: ecco chi può perdere la poltrona

Bianca Berlinguer, direttore Tg3

La zarina Berlinguer

Dopo la fine sostanziale delle larghe intese e la conquista di Matteo Renzi della segreteria del Pd, ma soprattutto dopo il patto del Nazareno tra Silvio Berlusconi e Renzi, potrebbe cominciare il giro di valzer delle poltrone anche in viale Mazzini. Se il governo dovesse durare fino al 2015 i direttori dei tg di Rai Uno, Rai due e Rai tre potrebbero perdere la poltrona. Il voto sulle politiche che si allontana, in realtà, finirebbe con l'accelerare il cambio della guardia in viale Mazzini.

La Berlinguer trema - Il quadro politico è cambiato, e la lottizzazione in Rai, secondo i rumors che girano tra Forza Italia e Pd, deve adeguarsi. Il primo della lista che rischia il posto sarebbe il direttore del Tg1 Mario Orfeo. E' arrivato alla rete ammiraglia da qualche anno, e con il governo Monti prima e con quello Letta poi è stato garante delle larghe intese. Adesso con Renzi al Nazareno il Pd vorrebbe ribaltare gli equilibri e le poltrone dei direttori. Così in viale Mazzini cominciano le grandi manovre. Lunedì 27 gennaio è il giorno in cui si riunirà un "pre-consiglio" di amministrazione (quello ufficiale è previsto per mercoledì 29) in cui i 5 membri di maggioranza decideranno se presentare un piano che include il cambio di tutti i direttori delle testate Rai. Finora come racconta Dagospia, era sicuro solo il cambio a RadioRai.

Il valzer -  Gubitosi vuole sostituire Preziosi con Marcello Sorgi de La Stampa alla direzione di Radio1 e Gr, ma per l'ex direttore del quotidiano di Torino non è ancora fatta. E' sicuro che i cambiamenti non si fermeranno alla radio, ma coinvolgeranno tutte le testate giornalistiche. Nel mirino ci sono come detto Mario Orfeo, ma anche Marcello Masi (Tg2) e Bianca Berlinguer (Tg3). La "Zarina", tra i tre direttori, è quella che rischia di più. Il suo Tg3 di fatto è l'house organ della sinistra Pd, e fa da portavoce ai cuperliani e ai bersaniani. Renzi adesso vorrebbe qualche renziano al comando del Tg3, ma spodestare la Berlinguer non è un'impresa facile. L'ultima indiscrezione da Viale Mazzini parla di una Monica Maggioni, attualmente direttrice di Rainew24, al posto di Orfeo.  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gicchio38

    26 Gennaio 2014 - 07:07

    FINALMENTE IL COGNOME berlinguer NON CONTA PIU' NULLA. E' SOLO UN RICORDO. ORA ANCHE I BERLINGUER INCOMINCERANNO A SUDARSI LA PAGNOTTA. MI FA RIDERE QUANDO PARLANO DI "ZARINA" CHE POI NON E' ALTRO CHE UNA BAMBOLA SEMI RIMBAMBITA. DALL'ESPRESSIONE VACUA E ASSENTE. QUESTI COMUNISTI COME SONO ATTACCATI ALLA POLTRONA AVUTA IN DONO E SENZA ALCUN MERITO. PARE CHE IL VENTO ABBIA CAMBIATO DIREZIONE E COMUNQUE SARA' SEMPRE TROPPO TARDI.

    Report

    Rispondi

  • dx

    24 Gennaio 2014 - 20:08

    con la sua tipica arroganza di colei che sa che non le succederà niente. invece renzi farebbe benissimo a spostarla. c'è ancora il gazzettino padano alla radio?...

    Report

    Rispondi

  • cecco61

    24 Gennaio 2014 - 20:08

    Non vedo di che meravigliarsi essendo da sempre nell'ordine delle cose. Bisognerà vedere se, soprattutto per la Berlinguer, Renzi ce la farà. Ridicolo il commento di Tontolomeo Baschetti: lui è ancora convinto che la lottizzazione della Rai la fa solo Berlusconi. Chissà dove ha vissuto negli ultimi 70 anni. Boh!

    Report

    Rispondi

  • alvit

    24 Gennaio 2014 - 18:06

    se veramente la mandasse via, non la spostasse a qualche vertice ancora più alto,quanta gente farebbe un pensierino sul dargli il voto???

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog