Cerca

Cuor di leone

Andrea Vianello: "Gli ascolti di Rai3 vanno male? Non me ne frega niente"

Dirige il terzo canale, e spiega: "Ho tutte le carte in regola. E se gli ascolti non mi premiano non mi interessa. Ho il dovere di innovare"

Andrea Vianello

Andrea Vianello

Una lunga, lunghissima serie di flop. I film che non vanno bene e neppure le serie tv, La guerra dei mondi di Piero Marrazzo ha collazionato pochi punti di share, quindi Maracanà, il format calcistico mai nato. E ancora Ballarò che perde ascolti, il super-flop di Masterpiece, i pochissimi telespettatori che si avvelenano con Il pane quotidiano di Concita De Gregorio. Insomma, ce ne sono di motivi per mettere in discussione Andrea Vianello, direttore di Rai3, che però intervistato da Il Fatto Quotidiano non solo si difende, ma rilancia. 

"Io sono bravo" - "Sono entrato in Rai con concorso pubblico: 12 anni di radio, 12 di tivù - spiega orgoglioso -. Ho creato Agorà dal nulla. Sono stato nominato all'unanimità dal Cda. Credo di avere proprio il profilo giusto per fare il direttore di Rete e penso di saperlo fare bene". Le critiche, insomma, nemmeno lo sfiorano: "Un servizio senza pubblico è un controsenso - ammette -, ma devi innovare. Anche a costo di perdere la faccia. La Rai - aggiunge - ha il dovere di tracciare nuove strade e generare cultura. Non esiste lavoro più figo".

"Non me ne frega niente" - Eppure, fa notare Il Fatto, gli ascolti latitano. Da antologia la risposta di Vianello: "Non me ne frega niente". Per la precisione, il direttore spiega: "Giudicarmi solo in base ai numeri è limitante, ancor più se si parla di RaiTre. E comunque vinco anche lì. A gennaio ho mandato il ricordo di Pippo Fava in prima serata: è andata male, ma lo sapevo e non mi frega niente. RaiTre ha uno scheletro forte e deve azzardare. Per esempio la puntata di Presadiretta sulla violenza delle forze dell'ordine"...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cesare.mazza

    26 Luglio 2014 - 18:06

    Caro Vianello,innovare va bene,dovete anche innovare i dipendenti,dirigenti e ospiti,parlo di quelli arrivati da Mediaset per volere di Berlusconi,ecco questi vanno mandati via,IERI,non lavorano per la RAI,capito Vianello,dillo anche a Gubitosi che ospitate sempre Giornalisti della Concorrenza RAI,via queste nullità!,io l'ho licenziato,un dipendente,chi disse non me ne frega niente.INNOVA Punto.

    Report

    Rispondi

  • cesare.mazza

    26 Luglio 2014 - 16:04

    Caro Vianello,innovare va bene,dovete anche innovare i dipendenti,dirigenti e ospiti,parlo di quelli arrivati da Mediaset per volere di Berlusconi,ecco questi vanno mandati via,IERI,non lavorano per la RAI,capito Vianello,dillo anche a Gubitosi che ospitate sempre Giornalisti della Concorrenza RAI,via queste nullità!,io l'ho licenziato,un dipendente,chi disse non me ne frega niente.INNOVA Punto.

    Report

    Rispondi

  • villiam

    10 Febbraio 2014 - 11:11

    usi i nostri soldi e non ti frega niente ,è vero un dovere lo hai vai a casa e nasconditi!!!!!!!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • sconosciuto

    10 Febbraio 2014 - 10:10

    Tanto il canone serve anche a pagare nullità come lui Si vanta di agorà? a quei tempi anche un pinco pallino qualsiasi che metteva Berlusconi in programma faceva Audience....si prende meriti che non ha..

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog