Cerca

corsa ai ripari

Sanremo, Mediaset e La7 cambiano i loro programmi serali

Le due reti tv temono la competizione del Festival e il flop degli ascolti. Cancellati Le Iene e Servizio Pubblico

Fazio, Blasi, De Filippi e Santoro

Fazio, Blasi, De Filippi e Santoro

Mediaset e La7 temono la concorrenza del Festival di Sanremo e cambiano la loro programmazione serale nei giorni dedicati al festival della canzone italiana (18-22 febbraio). Per paura (o meglio, per la certezza) di un flop degli ascolti, da Mediaset scompaiono le Iene - il programma satirico di Italia 1 - e il salotto di Maria de Filippi C'è Posta Per Te, su Canale 5. Il "cannibale" Fabio Fazio, insomma, si "divora" Ilary Blasi e Maria De Filippo. Al posto delle due trasmissioni sospese, il Biscione proporrà film, sport e serie tv; da Arrow alle partite di Champions e Europa League fino a commedie leggere come Mrs. Doughtfire e Johnny StecchinoLa corsa ai ripari di La7, invece, prevede la sospensione di Daria Bignardi con le sue Invasioni Barbariche. Pit stop anche per Michele Santoro con Servizio Pubblico

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rendagio

    14 Febbraio 2014 - 12:12

    ecco l´ ITAGLIa che cambia....e poi ci lamentiamo di come stanno le cose in questo cessoi di paese, al peggio non ce´ limite (meglio andarsene altrove )

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    13 Febbraio 2014 - 23:11

    Sappiamo bene come sono gli Italiani, purtroppo per cinquantanni sono stati ben gestiti, quindi il festival è il primo spettacolo che guarderanno. Ma se fossero per UNA volta maturi e mandassero il Festival a p...... ? Dolce illusione, più sono presi per il c... più godono.

    Report

    Rispondi

  • carlo5

    13 Febbraio 2014 - 19:07

    Il festival e' quello che e'. Una lagna. Personalmemte dopo dieci minui cambio canale in cerca di un bel film e, devo dire che sempre in questo frangente festivaliero lo trovo, proprio perche' solo un bel film fa si che ci si liberi del festival e si salvino le serate. Copino i dirigenti e agiscano in tal senso.

    Report

    Rispondi

blog