Cerca

La polemica

Sanremo, Fazio: "Gli ascolti vanno male? Colpa della protesta dei disoccupati campani"

Fazio e Littizzetto a Sanremo

Fazio e Littizzetto a Sanremo

I numeri non mentono mai. E Fabio Fazio lo sa. Quei dieci milioni di media di ascolti per la sua prima serata del Festival 2014 pesano. Anzi per uno che ormai si comporta come "principino" della tv sono una macchia da togliere immediatamente dalla sua carriera. Così ecco che arrivano le improbabili giustificazioni. Il flop dello share nella sua prima serata Fazio lo attribuisce ai due disoccupati campani che hanno minacciato di buttarsi dalla galleria dell'Ariston: "Quei venti minuti iniziali di panico  hanno avuto due conseguenze: una cardiaca, l’altra sugli ascolti, dove siamo stati stati molto penalizzati". "Quel lungo  prologo -ha aggiunto Fazio- ha inquietato non solo noi ma anche il   pubblico a casa. Mi spiace, ma per certi versi è un buon segno,  perchè significa che il pubblico ha capito la differenza tra le cose  che uno vuole costruire e quelle ingestibili e non preparate".

"Colpa dei disoccupati" - E sulla stessa linea di Fabio si schiera la fidata compagna Lucianina Littizzetto: "L'equilibrio è stato sconvolto -ha aggiunto Luciana Littizzetto-   minando la 'bellezzà che è il tema del festival di quest’anno". Insomma se gli ascolti vanno male è colpa dei due poveri disperati.  "La situazione è stata tale da dover essere gestita   repentinamente -ha raccontato il conduttore- abbiamo dovuto  ricostruire la scaletta blocco per blocco". L’episodio lo ha costretto a ritardare l’inizio della gare: "C'è stata purtroppo una   frammentazione delle canzoni, ma stasera ricominciamo ordinatamente:  io vorrei che la prima canzone andasse in onda alle 21 e si ripartisse  in modo regolare". Ammettere una sconfitta è difficile. Ma quando ci sono i numeri a dirlo è impossibile. Poi Fabio mette le mani avanti anche per stasera: "Posso già dirvi che pronostico un calo degli ascolti di questa sera: c'è il Milan, c'è la partita di Champions League, avremo un calo di 6 punti rispetto a un anno fa..."

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gigat

    20 Febbraio 2014 - 12:12

    Mettiamo per inciso che' la farsa dei due operai e' stata una sola!!Sfido a entrare nel teatro Ariston in incognita!!I due "presentatori"sono "poverili".Non meritano quel ruolo- Poi dicono che'gli Italiani non pagano il canone!!Noi Italiani il festival della canzone Italiana lo vogliamo,ma com'era una volta e come merita,nel vero senso della parola--

    Report

    Rispondi

  • AlessandroB

    20 Febbraio 2014 - 11:11

    ? un sanremo emozionante e ricco, splendido e speranzoso. Poi non a tutti piace. Ma perchè dobbiamo sempre attaccare, riversare di ira sugli altri e sul loro lavoro. Beh è più facile distruggere che costruire, come ha detto Fabio ......dobbiamo rispettare tutti e tutto. Poi avete faziosamente travisato le parole di Fabio..Perchè secondo voi quella scena di disperazione non ha influito? È stato tutto vero purtroppo. Ma è stata l'ennesima scena di perdita di valori, perchè quel gesto vuol dire riversare la propria rabbia sugli altri e non avere la dignitá e il rispetto, ma questi valori non li danno i soldi!!!!!! Non abbiamo orgoglio nazionale, nè solidarietà.......l'Italia si merita ciò, non è pronta per La Grande Bellezza.

    Report

    Rispondi

  • Enzo47

    20 Febbraio 2014 - 09:09

    Se il festival del fazio...so è riuscito a catturare 10milioni di spettatori io direi che è un successo considerando il fatto che le canzoni ormai la fanno da contorno. Io appartengo a quei 50milioni di poltronari che martedì avevano altro e "di meglio" da fare, alle gambe della Littizzetto ho preferito quelle di Leo Messi, e credo di averci pure guadagnato. Enzo47 Varese

    Report

    Rispondi

  • aldogam

    19 Febbraio 2014 - 23:11

    Dice la sboccata che questo festivel è ispirato alla bellezza... mi domando allora cosa ci faccia lei.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog