Cerca

Jacko, l'autopsia conferma

Omicidio con il Propofol

Jacko, l'autopsia conferma
 Il medico legale di Los Angeles ha confermato: la morte di Michael Jackson è un omicidio. Il coroner ha stabilito che una combinazone di farmaci mortale è stata somministrata al cantante ore prima che morisse, il 25 giugno. I rilievi del medico non sono ancora stati resi pubblici, ma una fonte anonima li ha comunicati all’agenzia Ap.  I test forensi hanno stabilito che il Propofol, il forte anestetico  di  cui si era già parlato, ha agito insieme con altri due sedativi presi in precedenza.

Il dottor Conrad Murray per ora è accusato di omicidio colposo. Il dottore di Jacko ha confermato di aver somministrato 25 mg di propofol alle 10.40 del mattino, dopo aver passato la notte a iniettare due sedativi a Jackson che non riusciva a prendere sonno.

Oltre al propofol e ai due sedativi, combinazione letale, il coroner ha trovato nel sangue di Michael tracce di altri farmaci, ma non pensa che abbiano influito sul decesso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog