Cerca

Omicidio del cowboy gay

Olsen parla "con l'immunità"

Omicidio del cowboy gay
Parlerà, a patto che le venga concessa l’immunità. L’attrice Mary Kate Olsen, 22 anni, ha dichiarato che si rifiuta di essere interrogata della autorità federali che stanno portando avanti le indagini sulla morte dell’attore Heath Ledger, scomparso la notte tra il 21 e il 22 gennaio scorsi per una dose fatale di cocktail di farmaci. La Dea (Us Drug Enforcement Administration) sta cercando di capire chi possa essere stato il fornitore dell’OxyContin, un antidolorifico che l’attore australiano deve aver ottenuto illegalmente.
D’aiuto potrebbe essere la testimonianza della Olsen che era grande amica di Ledger. Fu la prima ad essere chiamata dalla massaggiatrice che scovò il cadavere nell’appartamento di New York del protagonista de “I segreti di Brokeback Mountain” ed ora sullo schermo con “Il cavaliere oscuro”, nuova saga della serie di Batman, in cui veste i panni del Joker. Tra l’altro, nelle primissime ore dopo la scoperta, si vociferava che l’appartamento appartenesse proprio alla Olsen, ma la cosa non fu mai confermata. Mai ascoltata dalle autorità, l’attrice ora potrebbe con la sua testimonianza chiarire qualche punto rimasto oscuro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog