Cerca

Festival del Cinema rovente

Placido querela Brunetta

Festival del Cinema rovente
In attesa delle premiazioni finali dei vincitori del 66esimo Festival del Cinema di Venezia, arriva al Lido Sylvester Stallone il quale riceverà il riconoscimento “Jaeger-LeCoultre Glory to the Filmmaker”, premio dedicato a una personalità che ha lasciato il segno nel cinema contemporaneo. Stallone ha avuto modo di scherzare con i giornalisti: “Io e lui – ha detto l’attore parlando del presidente degli Stati Uniti Barack Obama – potremmo fare un film d’azione eccellente insieme. Il titolo? Rambobama”.
Intanto Michele Placido, protagonista nei giorni scorsi con il suo ultimo film “Il grande sogno”, ha annunciato che querelerà il ministro della Funzione pubblica Renato Brunetta a seguito delle dichiarazioni rilasciate in mattinata dal ministro. "Esiste in Italia - ha detto al Lido Brunetta - un culturame parassitario vissuto di risorse pubbliche, che sputa sentenze contro il proprio Paese ed e' quello che si vede in questi giorni alla Mostra del cinema di Venezia". Per essere ancora più esplicito ha aggiunto : “Questo e' un pezzo di Italia molto rappresentata, molto 'placida' e questa Italia è leggermente schifosa". Immediata la risposta di Michele Placido: "I miei ultimi tre film non hanno avuto sovvenzioni e hanno incassato quattordici milioni di euro. La serie tv 'La Piovra' – ha proseguito il regista - ha fatto incassare alla Rai miliardi di lire sul mercato estero. Non chiedo una percentuale, ma rispetto”. “Forse vengo ingiuriato da lei – ha concluso Placido rivolgendosi al ministro - perché ho dichiarato che non ho mai votato per il presidente Berlusconi?".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ziogianni

    12 Settembre 2009 - 20:08

    ***Come recitava bene, il "nostro" col cocomero in testa nel film "casotto" di Franco Citti amicissimo di P.P. Pasolini. Sapendo i loro vizi e se tanto mi da tanto...ha frequentato proprio una bella scuola.*

    Report

    Rispondi

  • ziogianni

    12 Settembre 2009 - 20:08

    ***La scuola per diventare attori, a Roma negli anni 60 e dopo, si faceva frequentando di notte il Colosseo, Il colle Oppio ed il Parco degli Aranci. Altro che cavoli eran caxi. Vero! Anche se qualcuno dice no, io so che è VERISSIMO. Potrei fare tanti nomi ma per evitare di farmi censurare dico soltanto: markettari.*

    Report

    Rispondi

  • antari

    12 Settembre 2009 - 19:07

    e' perche' ha detto che non vota silvio. figuriamoci brunetta cosa puo' capire di cinema XD

    Report

    Rispondi

  • par28648

    12 Settembre 2009 - 19:07

    Brunetta lascia perdere il parassita di turno, basterà ridurgli la biada e sarà per lui la peggiore delle sciagure. Concentrati per favore sui dipendenti pubblici (n.b. anche i magistrati lo sono). Come ho già fatto notare,è interessante un'occhiata agli abituali orari (e naturalmente giornate) di invio post dei più molesti ed accaniti tafani rossi che scrivono anche qui. E' una delle attività predilette dei ns. cari statali (e/o sindacalisti in servizio permanente effettivo): costretti a non assentarsi più come loro inveterata abitudine , sono si presenti in ufficio ma a fare gli agit-prop. Capito Brunetta ?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog