Cerca

L'intervista/ Juliana reginetta della tv

"Mi adorano perché sono spontanea"

L'intervista/ Juliana reginetta della tv

La sua risata è fresca, spontanea, contagiosa. Ti mette allegria anche se sei triste. Il suo sorriso buca lo schermo, i suoi occhi scuri e grandi, la sua carnagione ambrata, i suoi lunghi capelli neri, la sua silhouette ben modellata e il suo culetto alto e sodo hanno tutto il sapore del suo Paese d’origine. Il Brasile. Juliana Moreira, 27 anni lo scorso 15 aprile, non è la solita modella dal fisico esotico, in quel suo metro e settantanove centimetri di altezza e le curve mozzafiato. È una ragazza come tante altre: esuberante ma al tempo stesso un po’ impacciata, pigrona ma al contempo super sportiva e amante delle avventure, con tanta voglia di imparare e sempre alla ricerca di cose nuove. È pure una “gran mangiona”, ci racconta, adora gli animali e ama guardare film romantici. Magari comodamente appollaiata sul suo divano con il suo splendido cagnolino appallottolato sulle gambe.

In questo periodo Juliana è impegnata nella conduzione di ‘Paperissima Sprint’, che sta avendo un grandissimo successo di pubblico. Quest’estate per ben sessanta volte è risultato il programma più visto nell’access prime time.

Juliana, qual è il segreto del successo del programma?

“È una trasmissione che fa ridere tanto. Mostra cose che succedono realmente, nella quotidianità di ciascuno. Le persone guardano i video e le immagini che scorrono e si ritrovano: non possono non sentirsi coinvolte e non sorridere. Anche io mi ci ritrovo moltissimo. Sono maldestra e a volte quando vedo i filmati con i bimbi dico: ‘Sono io’. Paperissima ci mostra come siamo tutti uguali e ciascuno di noi combina sempre qualche guaio in famiglia che fa ridere tutti”.

Cosa le ha insegnato Paperissima?

“Ogni puntata mi ha insegnato davvero tanto. Come una bambina ho sempre guardato con curiosità ciò che accadeva intorno a me, ho cercato di imparare ogni giorno qualcosa di nuovo. Tenendo conto dei ritmi tosti, con la sveglia alle sei e la chiusura dei lavori alle 20, di cose da imparare ce ne sono sempre state tante. E poi mi diverto un sacco. L’equipe è costituita tutta da amici che ho conosciuto a Cultura moderna (il programma con Teo Mammucari in cui la show girl ha debuttato nella tv italiana, ndr)”.

Si mormora che le piacerebbe condurre Striscia la notizia…

“Adoro Striscia. È la prima trasmissione che ho visto quando sono arrivata in Italia. E poi il secondo provino per Cultura Moderna l’ho fatto proprio negli studi si Striscia. Tanto che ho pensato fosse per fare la velina. Comunque sì, mi piacerebbe condurre Striscia. Ma una puntata sola, per gioco”.

Progetti concreti per la prossima stagione televisiva?

“Proposte ci sono, ma ancora nulla di concluso. Parlerò con Antonio Ricci. È lui il mio punto di riferimento.”.

Cultura moderna: che ricordi ha della trasmissione? E di Mammucari?

“Teo è il numero uno. Mi manca tantissimo. Mi ha adottato insieme a Thais (ex velina, ndr). Eravamo il clan delle brasiliane con lui in mezzo. Si andava spesso tutti insieme al ristorante, ci si divertiva un sacco: lui ci prendeva in giro, ma ci faceva tanto ridere. Teo è un pazzo e io gli voglio bene, mi ha aiutato tantissimo”.

Ma le vostre scenette erano tutte da copione?

“No no, tutto era improvvisato. Io ero spontanea e riuscivo alla perfezione a rispondere alle sue battute. Ci si prendeva in giro a vicenda. C’è stato subito un grande feeling tra noi, e si è subito instaurato un grande rapporto di amicizia. Un’amicizia spontanea, naturale, vera”.

Insieme avete avuto un grande successo. Avete vinto anche un telegatto.

“È stato un anno meraviglioso. Sembra durato un flash, è passato così veloce. Ma è successo davvero e mi ha insegnato moltissimo”.

Per lei è arrivato anche il premio Ischia…

“C’erano i mostri del doppiaggio. È stato bellissimo. Mi ha premiata il Gabibbo, che emozione. E poi c’era anche il mio papà, che piange sempre per tutto. E così ho pianto anche io. Cosa che non avevo fatto ai Telegatti, perché mi vergognavo”.

A proposito di suo padre, cosa le manca di più del Brasile?

“La mia famiglia, senza dubbio. La porterei volentieri qui in Italia. Sarebbe stupendo”.

E a proposito di Sud America, questa è stata l’estate delle sudamericane. Lei a Paperissima, Belen Rodriguez a Sarabanda…

“Trovo fantastica Belen perché canta, balla, fa un po’ di tutto. E poi ha un fisico pazzesco… Però non credo si possa fare confronti tra di noi. Io sono più ragazzina, lei più una sex-symbol. Diciamo che comunque divido volentieri con lei questo grande successo”.

C’è grande feeling tra Italia e Sud America…

“Il Sud America adora l’Italia, proprio come voi ci adorate. È questo il segreto del feeling tra noi. E poi in Italia non c’è razzismo, preconcetto. La tv è grande, c’è spazio per tutti. Se c’è il talento, naturalmente”.

Non è solo la tv ad adorarla. Anche il web impazzisce per lei. Tanto che secondo un sondaggio su Yahoo Italia gli italiani la preferiscono alla Rodriguez. Che rapporti ha con internet?

“A proposito di internet, vorrei mettere in guardia i miei fan. Ho scoperto che su Facebook c’è il mio profilo. Ma non l’ho creato io. E persino su Msn si spacciano per me. E la stesa cosa è capitata anche alla Hunziker. In realtà non siamo noi. Capitan Ventosa ha fatto un servizio a riguardo per Striscia la notizia. È incredibile: c’è chi si finge noi e poi tratta male e insulta i nostri fan. E questo mi fa star male. Perché io non sono così”.

Ora passiamo alle domande un pochino più scomode…come si vede Juliana Moreira quando si guarda allo specchio?

“Come tutte le donne sono ipercritica. Non mi piaccio per nulla. Ora sono un po’ migliorata, ma quando ero una ragazzina ero davvero un maschiaccio. Adoravo correre e giocare con gli aquiloni. Ricordo che allora andavano di moda le bionde. Ero fanatica di una trasmissione la cui conduttrice era bionda con gli occhi azzurri. Quanto ho sofferto per non essere come lei! Volevo addirittura fare interventi chirurgici per cambiarmi: ‘così come sono non mi guarderà mai nessuno’, mi ripetevo. E così mi sono fatta le meches. Ero un mostro: allora sì che non mi guardava davvero nessuno”.

Ha imparato la lezione?

“Sì. Adesso mi accetto un po’ di più”.

Inutile che le chieda se si vede sexy…

“Sexy? Ma dove… (e giù una risata contagiosa). Ci sono dei giorni che mi guardo allo specchio e mi dico: ‘non sono poi così male’, altri invece… Sono molto critica con me stessa”.

Ma il suo fidanzato le farà dei complimenti. Non crede neppure a lui?

“Sì sì, Edo mi sveglia ogni mattina facendomi dei complimenti. E alla fine ho imparato a credere un po’ a quello che mi dice. Però dicono pure che l’amore è cieco…”.

Che lei abbia successo è innegabile. Qual è il segreto del suo successo?

“La spontaneità. La gente mi guarda e dice: ‘questa è bacata così’ e allora mi vuole bene perché sono così, un po’ scemotta, totalmente me stessa”.

Lei ha un fisico eccezionale. Per piacere, non mi dica che è una mangiona…

“Sono una gran mangiona e mangio di tutto. Adoro il riso con i fagioli e la picaña (piatto brasiliano), la pasta alla carbonara e la pizza. E poi le patatine fritte. Ci facevo pure i panini quando ero una bambina”.

In effetti non mi sembra proprio una dieta con i fiocchi...

“Mangio male, lo so. Non fascio diete e non sono attenta a quello che mangio. Anche perché mangiare è una delle cose più belle del mondo. L’unica cosa che non mangio è il pesce. Mamma me lo ha fatto odiare”.

La costringeva a mangiarlo spesso da bambina?

“Più che altro mamma diceva che il pesce fa diventare intelligenti. Io però sono rimasta ignorante, quindi non ha funzionato. E allora non lo mangio più”.

Per rimanere in forma farà almeno tanto sport…

“Non tantissimo. Sì, sono abbastanza sportiva, ma anche tanto pigrona. Mi piace tanto stare davanti alla tv con i pop corn… “.

Cinema?

“Recentemente ho visto ‘Ricatto d’amore’: mi è piaciuto tantissimo. È una bellissima commedia romantica, che io adoro. L’interprete femminile è Sandra Bulloch, bravissima e bellissima. Poi adoro Pretty Woman. La scena del negozio in cui Julia Roberts torna e si vendica con le commesse che l’hanno trattata malissimo è stupenda”.

Julia Roberts, Sandra Bulloch: due attrici davvero bellissime. Quando Juliana imparerà a vedersi bella?

“Lo so che se ci si alza al mattino e guardandosi allo specchio ci si dice di volersi bene alla fine cambia la vita. Voler bene a se stessi aiuta a farsi apprezzare di più anche dagli altri. Comunque una promessa la faccio. Ogni giorno, guardandomi allo specchio, mi dirò: ‘Sono fighissima’. Però Silvia lo devi fare anche tu…”


Silvia Tironi

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • coulombe

    16 Settembre 2009 - 13:01

    Direi che la ragazza è pronta per il nostro capo...

    Report

    Rispondi

blog