Cerca

Lo sfogo di Al Bano

"Il Vaticano mi discrimina"

Lo sfogo di Al Bano

Discriminato dal Vaticano, solo perché divorziato. Al Bano Carrisi sbotta.”Non sono un appestato, non mi sento tale. E quindi contesto apertamente questa forma di emarginazione che mi è stata imposta dalle gerarchie ecclesiastiche”. Da quando il suo matrimonio con Romina Power è andato in frantumi, si lamenta il cantante di Cellino San Marco, “non vengo più chiamato all'iniziativa del Natale in Vaticano”. Un vero e proprio ostracismo nei suoi confronti, “un vero e proprio veto per tutte le iniziative collegate alla Chiesa”, sottolinea con un certo disappunto l’artista, che da uomo di fede non riesce a comprendere un atteggiamento simile da parte della chiesa nei suoi confronti. “La mia colpa? Essere un divorziato e a nulla conta il fatto che io ho subito questa situazione e che la mia vita è stata improntata sempre al contatto con Dio e ad una fede da buon cristiano quale ritengo di essere”.

A scatenare l’ira del cantante pugliese è il mancato invito all'iniziativa ‘Natale in Vaticano’, registrato lo scorso 6 dicembre al teatro Bellini di Catania e che sarà trasmesso il 24 dicembre alle 21 su Raidue. Madrina della serata, Mara Venier.

Lo sfogo del cantante è stato raccolto da padre Federico Lombardi, il quale sottolinea come il concerto natalizio non abbia “nulla a che fare con la Santa Sede e l'invito a parteciparvi non dipende in alcun modo dalle gerarchie ecclesiastiche. 'Natale in Vaticano’ - ha precisato il portavoce vaticano - si teneva un tempo nell'aula Paolo VI e i proventi ricavati venivano destinati alle nuove chiese di Roma. L'iniziativa, tuttavia - ha aggiunto - è stata sospesa da alcuni anni, ed eventuali situazioni analoghe tuttora poste in essere non hanno nessun rapporto né con le istituzioni vaticane, né con il vicariato di Roma”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • piero1939

    09 Dicembre 2009 - 08:08

    albano ma che dici. continua a fare i caz.....zi tuoi e lascia in pace il vaticano e dio.

    Report

    Rispondi

  • ziogianni

    09 Dicembre 2009 - 08:08

    ***al-bano ma vattela a pijà 'nder cu...! ma chi caxio ti credi di essere tu e quella tua nuova svergognata che arazza le mazze dei beceri. sei un poveraccio col collo corto. Mi ricordo quando nei primi anni 80 in via Inama a Milano registravi delle cagate ed alla povera Romina non la facevi sortire dalla sala registrazione neppure per prendere un caffè da "Achille", gli portavi la pizza giù alla sala. ci guardavi con disprezzo, mostravi inferiorità, in quanto ti sentivi già kornuto solo se la vedevamo. penoso, vergognati*

    Report

    Rispondi

blog