Cerca

Paul McCartney rinuncia a San Siro

Dopo gli Ac/Dc, l'ex dei Beatles in fuga dallo stadio milanese per il limite di 78 dB

Paul McCartney rinuncia a San Siro
Paul McCartney non canterà a Milano. L’ex dei Beatles ha rinunciato alla sua esibizione di San Siro prevista per il prossimo giugno, a causa dei limiti di decibel imposti. Secondo i regolamenti dell'Asl milanese i concerti del Meazza non possono, infatti, superare i 78 dB. Per la tappa italiana della sua ultima tourneè, dopo aver rifiutato l'offerta milanese, McCartney starebbe ora valutando le proposte che gli sono arrivate dal San Paolo di Napoli e dall'Arena di Verona, città in cui non sono previsti silenziatori. Eppure molti fans speravano nel ritorno del musicista di Liverpool a Milano, a distanza di 45 anni dal leggendario concerto dei Beatles al velodromo Vigorelli. Per il cantante lo sfumato show sarebbe stato il primo in uno stadio italiano.

I divi del rock a San Siro sono a rischio di estinzione. Anche gli Ac/Dc hanno detto “no”: fuori dal loro habitat naturale degli alti decibel non sarebbero riusciti a sopravvivere. Ad accoglierli ci ha pensato Udine. Madonna, dopo l’esperienza dello scorso luglio non ha intenzione di tornare allo stadio. E il più possibile lontano da Milano si mantiene Bruce Springsteen, colpevole di aver sforato di 22 minuti durante il concerto del 25 giugno 2008. Resistono i Muse e Ligabue e si stanno ambientando bene anche Giuseppe Verdi col “Nabucco” e Michele Guardì con il musical "Renzo e Lucia", ma per l'hard rock in stile Ac/Dc forse non c'è più posto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • jean agneaux

    17 Gennaio 2010 - 19:07

    lo stadio di San Siro è in un quartiere bene di Milano e agli abitanti della zona non frega nulla dei questo o di quel cantante... a loro frega poter rientrare a case e trovare posteggio e poter andare a dormire alla solita ora senza rumori e casini esterni. il Comune prende i voti da loro e NON dai 50mila italiani che arriveranno dal resto d'italia.. percio' indovinate chi ascolta ? La soluzione è fare un palamusica adatto a queste manifestazioni lontano dall' abitato... ma non ce ne già uno a Milano sud ?

    Report

    Rispondi

  • gitex

    17 Gennaio 2010 - 18:06

    che per una cinquantina di famiglie decine di migliaia di fans non possano assistere ai mostri sacri del rock; capisco che l'eccessivo rumore dà fastidio, ma per 5 o 6 volte all'anno non possono mettere i tappi alle orecchie?

    Report

    Rispondi

blog