Cerca

Nicolas Cage sommerso dai debiti

Costretto a vendere la sua villa di Las Vegas

Nicolas Cage sommerso dai debiti
 Nicolas Cage è sommerso dai debiti. Il premio Oscar è completamente al verde e per cercare di pagare i milioni di dollari di debiti che ha con le banche e con il fisco americano, l'attore è stato costretto a vendere sottocosto una lussuosa villa a Las Vegas. Cage aveva comprato l'immobile a 8,7 milioni di dollari nel 2006, ed è stato costretto a venderla a 'solì 4,7 milioni. L'immobile, di 1.300 metri quadrati, è composto di 6 stanze, 8 bagni, 16 posti auto, cinema privato e vista sulla principale via di Las Vegas, dove sono concentrati tutti i casinò della città. La villa ha subito trovato un compratore. Il dipartimento del Tesoro americano vanta nei confronti di Cage un credito di oltre 14 milioni di dollari, provocato dal mancato pagamento di imposte. Secondo l'attore, il responsabile di questo dissesto finanziario è Samuel Levin, suo consulente dal 2001, licenziato e denunciato nell'ottobre scorso. Levin si è difeso dichiarando che Cage è uno «spendaccione» e chiedendo il pagamento di un arretrato di 129mila dollari. Molte altre case dell'attore, inoltre, sono state poste sotto sequestro dalle banche, dopo che Cage non è riuscito a pagare le ipoteche contratte. Tra queste anche due immobili di New Orleans, stimati in 6,8 milioni di dollari. E, come se non bastasse, il premio Oscar per 'Via da Las Vegas' è stato denunciato il mese scorso dalla sua ex moglie, Christina Fulton, per frode e inadempienza contrattuale. La Fulton ha chiesto 13 milioni di dollari come risarcimento, dopo che Cage le ha intimato di lasciare la casa dove vive attualmente con il loro figlio, Weston, e che per contratto sarebbe spettata alla donna.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • supermario53

    29 Novembre 2010 - 10:10

    Se è così Nicholas è proprio messo male. Non vorrei essere al suo posto. Sarà un bravo attore, ma come gestore delle sue finanze, vale poco. Preferisco, io, essere povero ma almeno senza debiti.

    Report

    Rispondi

blog